Lecco, 01 febbraio 2018   |  

Giornata per la vita: "L’amore dà sempre vita"

E' quanto sottolineano i vescovi italiani nel Messaggio per la 40.ma Giornata nazionale per la Vita del 4 febbraio 2018.

viaggiocile incontrovescovi 4

“La novità della vita e la gioia che essa genera sono possibili solo grazie all’agire divino", sono dunque "dono di Dio", ma anche "compito affidato all'uomo, perché ne richiedono la responsabilità".

E' quanto sottolineano i vescovi italiani nel Messaggio per la 40.ma Giornata nazionale per la Vita del 4 febbraio 2018. "La grazia della gioia è il frutto di una vita vissuta nella consapevolezza di essere figli che si consegnano con fiducia e si lasciano 'formare' dall’amore di Dio Padre". Ed è anche "l’esito - affermano i presuli - di un’esistenza 'cristica', abitata dallo stesso sentire di Gesù".

Per trasformare la realtà e guarire dal dramma dell’aborto e dell’eutanasia, i vescovi rilanciano la necessità di comunità che abbiano respiro evangelico, che sappiano "farsi samaritane" chinandosi sulle lacerazioni dell'umanità. Infatti i "segni di una cultura chiusa all’incontro" come ha più volte detto Papa Francesco," gridano nella ricerca esasperata di interessi personali o di parte, nelle aggressioni contro le donne, nell’indifferenza verso i poveri e i migranti, nelle violenze contro la vita dei bambini sin dal concepimento e degli anziani segnati da un’estrema fragilità".

ll mondo di oggi ha bisogno invece della gioia che viene dalla presenza di Dio e si aspetta dai cristiani, fa notare la Cei,"l’annuncio della Buona Notizia per vincere la cultura della tristezza e dell’individualismo, che mina le basi di ogni relazione".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newTwitter newYouTube newFB