Milano, 01 ottobre 2018   |  

Olimpiadi 2026: ufficiale la candidatura di Milano-Cortina

Coinvolta anche la Valtellina mentre Lecco e la Valsassina si muovono per non rimanere tagliati fuori.

olimpiadi

"Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, mi ha appena telefonato per comunicarmi formalmente che il Coni ha presentato la candidatura di Milano-Cortina, quindi Lombardia e Veneto per l'Italia ai prossimi giochi olimpici invernali del 2026". Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana aprendo la conferenza stampa 'dopo-Giunta', questa mattina, a Palazzo Lombardia.

"E' una notizia che aspettavamo - ha aggiunto il presidente-, siamo molto contenti e inizieremo a lavorare sodo perche' la candidatura sia approvata dal Cio". Il Governatore ha spiegato che giovedi' prossimo, insieme al sottosegretario regionale ai Grandi Eventi Antonio Rossi, sara' a Venezia per la prima riunione operativa con il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, i sindaci di Milano e Cortina d'Ampezzo, Giuseppe Sala e Giampietro Ghedina. All'ordine del giorno la definizione delle azioni da intraprendere per convincere il Cio che "quella lombardo-veneta e' la scelta migliore".

"Questo e' solo l'inizio della partita - ha chiarito il sottosegretario, ex campione olimpico e iridato di canoa Antonio Rossi -. Il fischio d'inizio sara' dato in Argentina, quello finale qui a Milano, al termine della sessione 2019 del CIO prevista a settembre. Evento che prevede una scenografica apertura al Teatro Alla Scala. Una sfida che giocheremo per vincere, per il bene dello sport azzurro, di tanti giovani, dei nostri territori e dell'Italia".

INSIEME PER PORTARE ALTO IL NOME DELLA NAZIONE - "Bisognera' lavorare ancora molto per arrivare al traguardo", ha puntualizzato l'assessore Sertori, "ma sicuramente ci sara' il massimo impegno da parte di tutti. Milano-Cortina significa anche Valtellina, un territorio che si mette a disposizione con le proprie piste storiche e con le proprie localita' che sono apprezzate e conosciute in tutto il mondo, a partire dagli atleti che queste piste hanno avuto modo di provarle, come la collega di Giunta e campionessa Lara Magoni". E, ancora, in merito alle implicazioni di sviluppo che questa candidatura offre, Massimo Sertori ha evidenziato: "Eventi come questi servono a valorizzare la montagna coerentemente con le politiche che sto portando avanti come assessore e rappresentano una straordinaria opportunita' che sapremo volgere al meglio. Ora rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo tutti nella stessa direzione per far in modo che questo evento possa portare in alto il nome dell'intera nazione".

CRESCITA PER SPORT E PER MIGLIAIA DI GIOVANI - Rossi ha poi voluto sottolineare quelle che sono le implicazioni positive che gia' la semplice candidatura potra' portare a vari livelli. "Si tratta di un'opportunita' eccezionale che stimolera' il turismo nelle nostre montagne. A livello agonistico rappresenta un forte stimolo per i nostri atleti a progredire nei risultati, per mettere in buona luce il Paese agli occhi dei rappresentanti delle altre Federazioni. Accendera' i riflettori su sport invernali che a differenza dello sci non godono di grande notorieta', anche per questo sono certo che spronera' nei prossimi mesi migliaia di italiani ad avvicinarsi alla montagna. Se, poi, dalla candidatura si dovesse passare all'assegnazione, allora per la Lombardia, il Veneto e l'Italia le opportunita' di valorizzazione saranno elevate all'ennesima potenza".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Dicembre 2008, durante l'Operazione Perseo, condotta dall'Arma dei carabinieri, vengono arrestati oltre 90 mafiosi impegnati nella ricostituzione della Cupola

Social

newTwitter newYouTube newFB