Premana, 19 luglio 2018   |  

Giir di Mont 2018: a Premana tutti presenti i grandi nomi

Nomi di grandissimo livello che si contenderà la manifestazione giunta alla 26esima edizione.

Partenza02

26° Giir di Mont di scena il 29 luglio prossimo, anche quest’anno facendo vivere ad una miriade di amatori e ad una folta schiera di pretendenti al titolo la gioia di correre fra gli alpeggi di Premana.

Il percorso tradizionale si sviluppa lungo 32 km (il Mini Giir di Mont è invece di 20 km) e vede ai nastri di partenza sicure candidate alla vittoria quali Elisa Desco, Ivana Iozzia, Silvia Rampazzo, trionfatrice a Premana nel 2017, e Barbara Bani, azzurre “mondiali” lo scorso anno, con la prima registrata in ottime condizioni di forma. Tra le straniere ecco invece Charlotte Morgan, l’inglese campionessa mondiale in carica sulle lunghe distanze, Maite Maiora, fuoriclasse spagnola al debutto premanese, e Denisa Dragomir, amatissima e già vincitrice al Giir. Le outsider potrebbero essere la giovanissima Freya Orban, svedese del Team Salomon, oppure la messicana Luisa Vasquez.

Si prospetta un Giir di Mont di altissimo livello tecnico anche per quanto riguarda i maschi, partendo dai campioncini di casa Davide Lino Invernizzi, vincitore della gara open dello scorso anno, e Mattia Gianola, il premanese più quotato attualmente. Parlando di Valsassina e dintorni, saranno della partita anche il campione di winter triathlon Daniel Antonioli ed il lecchese Danilo Brambilla, dominatori della scena locale in primavera. Non mancheranno nemmeno la giovane promessa Roberto Delorenzi, William Boffelli e i gemelli livignaschi Thomas e Nicolas Bormolini, impegnati questo weekend nella Stralivigno e già proiettati ad affrontare un’altra gara di corsa per preparare al meglio la stagione invernale che verrà.

Ad alzare ulteriormente il livello ci saranno anche altri personaggi che già hanno fatto molto bene in Coppa del Mondo, quali Gil Pintarelli, Filippo Bianchi, già azzurro in Polonia, l’intramontabile Ricardo Mejia, Ismail Razga, capace di salire sul podio al Giir nel 2015, Jean Baptiste Simukeka, trionfatore alla Reseg-up, tutti grandi atleti per una gara che si prospetta da pelle d’oca.

Chiudiamo infine con i nomi più attesi: Ionut Zinca, vincitore a Premana nel 2013, non al top della forma ma sempre protagonista quando si tratta di sfilare fra gli alpeggi lecchesi, e ancora Aritz Egea ed il fenomeno Cristian Minoggio, autentico dominatore delle prove disputate in Italia quest’anno.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB