Lecco, 20 giugno 2020   |  

Gattinoni lancia il programma: per una Lecco solidale e sostenibile

Il candidato del centrosinistra:"Abbiamo fissato una trentina di obiettivi con oltre 230 azioni. È un lavoro che va visto in maniera integrata per fare crescere la nostra città”.

presentazione programma gattinoni 2

Mauro Gattinoni (Credit foto Giancarlo Airoldi)

Mauro Gattinoni, candidato del centrosinistra alle prossime elezioni comunali di Lecco, ha presentato quest'oggi in piazza, alla cittadinanza, il proprio programma elettorale.

Sostenuto da Pd, AmbientalMente, Con la sinistra Cambia Lecco e dalla civica Fattore Lecco, Gattinoni lancia la sua visione di Lecco: “Ci rivolgiamo con una proposta alla città, alle associazioni, ai professionali, con un programma che vuole essere partecipato. Daremo tempo, infatti, tre settimane perché chiunque condivida i nostri valori possa avanzare proposte per migliorarlo”.

Quattro le linee strategiche: “Immaginiamo una Lecco bella, solidale, sostenibile e grande. Abbiamo fissato una trentina di obiettivi con oltre 230 azioni. È un lavoro che va visto in maniera integrata per fare crescere la nostra città”.

“Lecco – spiega Gattinoni - è da sempre una città cartolina, che incanta chiunque per quanto è bella. Si deve tradurre però nella cura della città: non solo il centro, ma lo deve essere anche nei rioni, nei luoghi dove vivono le persone. Cura degli spazi pubblici, del verde, dei parchi, dei servizi, della prossimità. E poi la cultura: Manzoni, vergella e missoltini. Quindi i grandi scrittori del nostro territorio, ma anche la cultura industriale e quella popolare tradizionale”

Gattinoni punta anche su scuola e famiglie: “Lecco è una città dove vive bene. La famiglia è il soggetto centrale dell'azione di governo. Quindi sostegno alla scuola e ai bambini, integrata sul territorio, con una didattica esperienziale. Vogliamo far crescere demograficamente la nostra città, attraverso i servizi”.

E poi la sostenibilità: “Noi vogliamo pensare oggi la città del domani, quindi la Lecco del 2030. la mobilità deve essere ridisegnata per essere orientata ai servizi pubblici, a una mobilità leggera e dolce. Serve un sistema di sentieri urbani per cucire la città e renderla fruibili di chiunque. E poi il consumo di suolo zero in campo edilizio, la riconversione urbana, la gestione dei rifiuti”.

Infine il progetto Milano-Lecco in 30 minuti: “Sia per agevolare i giovani e le nuove professioni, ma anche per attrarre turisti, senza un sovraccarico automobilistico. Per questo c'è da lavorare sul modello viario”.

download pdf IL PROGRAMMA DI GATTINONI

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

5 Agosto 1981 in Italia viene abolito il matrimonio riparatore, che annullava gli effetti penali di uno stupro qualora la vittima avesse acconsentito a sposare il suo assalitore

Social

newTwitter newYouTube newFB