Roma, 21 febbraio 2018   |  

Francesco: Giornata di preghiera per il Congo e Sud Sudan

Il Santo Padre invita tutti i fedeli e anche i non credenti a unirsi in una giornata intera di meditazione e di solidarietà

papa francesco bergoglio seduto

Venerdì 23 fabbraio Francesco invita tutti i fedeli e anche i non credenti a unirsi in una giornata intera di meditazione e di solidarietà in particolare verso due Paesi dove la violenza è all’ordine del giorno

Durante l’Angelus di domenica 4 febbraio papa Francesco ha invitato tutti i fedeli e anche i non credenti a unirsi in una giornata intera di meditazione nel digiuno. «Il nostro Padre celeste ascolta sempre i suoi figli che gridano a Lui nel dolore e nell’angoscia», ha detto il Papa, invitando tutti a domandarsi: «Cosa posso fare io per la pace? Sicuramente possiamo pregare; ma non solo: ognuno può dire concretamente “no” alla violenza per quanto dipende da lui o da lei. Perché le vittorie ottenute con la violenza sono false vittorie; mentre lavorare per la pace fa bene a tutti!».

Durante la sua catechesi il Papa ha spiegato il significato dei miracoli: «“Segni”, che invitano alla risposta della fede; segni che sempre sono accompagnati dalle parole, che li illuminano». E ha aggiunto: «Con i segni di guarigione che compie per i malati di ogni tipo, il Signore vuole suscitare come risposta la fede. La guarigione del corpo mira alla guarigione del cuore».

Poi, parlando della folla nel Vangelo, ha detto che è «segnata da sofferenze fisiche e da miserie spirituali, costituisce, per così dire, “l’ambiente vitale” in cui si attua la missione di Gesù, fatta di parole e di gesti che risanano e consolano». Non a caso il Pontefice ha scelto Sud Sudan e Repubblica democratica del Congo, dove la violenza sul popolo è all’ordine del giorno.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Giugno 1324 nasce il Regno di Sardegna e Corsica

Social

newTwitter newYouTube newFB