Lecco, 03 gennaio 2017   |  

Denuncia una finta rapina per coprire i debiti di gioco

Un 47enne del casatese è stato denunciato per simulazione di reato

arresto carabinieri

Nella serata di ieri, 2 gennaio, i Carabinieri della Stazione di Cremella, al termine di una rapida quanto accurata attività d’indagine, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lecco un 47enne abitante in un comune della brianza casatese, per essersi reso responsabile di “simulazione di reato”, avendo falsamente denunciato di essere stato vittima, quello stesso pomeriggio, di una rapina in suo danno.

L’uomo infatti, verso le 17,30 del 2 gennaio 2017, si è presentato presso la Caserma dell’Arma di Cremella denunciando che, un’ora prima, dopo avere effettuato un prelievo di denaro presso uno sportello ATM della zona, era stato rapinato, sotto la costante minaccia di un coltello, da un uomo non meglio indicato, il quale lo avrebbe successivamente costretto ad effettuare un ulteriore prelievo di denaro, per un importo complessivo di 240 Euro, per poi darsi alla fuga a bordo di uno scooter alla cui guida si sarebbe trovato un complice in attesa.

Sebbene sin da subito il racconto del denunciante presentasse aspetti e particolari che apparivano non del tutto chiari, gli uomini dell’Arma hanno avviato i necessari e scrupolosi accertamenti, non trascurando alcun particolare che potesse rilevarsi utile a ricostruire esattamente gli avvenimenti denunciati.

Dopo poche ore però gli operatori erano già riusciti a raccogliere inconfutabili ed univoci elementi che inducevano ad ipotizzare una messa in scena da parte dell’uomo. Questi, davanti all’evidenza delle prove, ammetteva di essersi inventato tutto, non sapendo come giustificare in famiglia un debito di gioco.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Gennaio 1919 viene fondato a Roma da don Luigi Sturzo il Partito popolare italiano

Social

newTwitter newYouTube newFB