Lecco, 08 marzo 2019   |  

Festa della donna: non solo 8 marzo. Confartigianato aderisce al progetto “Quality of life”

Invito a sottoscrivere l’appello “Qualità di vita, diritto del paziente oncologico”

Quality of Life

In occasione della Giornata Internazionale della Donna prende il via il progetto nazionale “Quality of life” promosso da APEO (Associazione Professionale Estetica Oncologica) e patrocinato da Confartigianato e Regione Lombardia, con la partecipazione di Lilt, Fondazione le 5 vie di Giorgio, Stati Generali delle donne, Una mano alla vita onlus, Fondazione sanità, Viola, Susan G. Komen Italia, Soleterre ONLUS, Rete oncologica pugliese, Associazione nazionale italiana senologi chirurghi (A.n.i.s.c.).

Anche sul nostro territorio non mancheranno iniziative in favore dei pazienti colpiti da patologie oncologiche. Le estetiste APEO apriranno i loro centri per tutto il mese di marzo per regalare ai pazienti in terapia oncologica un trattamento estetico corpo o viso. Le prenotazioni sono aperte chiamando il numero unico 02.87360093.

“Confartigianato Imprese Lecco sostiene l’iniziativa di APEO rilanciando l’invito a sottoscrivere l’appello “Qualità di vita, diritto del paziente oncologico”, per la creazione di condizioni e per il mantenimento dello stile e qualità di vita, a livello personale, familiare e sociale del paziente, la formazione delle estetiste da parte di professionisti sanitari del settore oncologico, la creazione di un network istituzionale di operatori qualificati in grado di effettuare dei trattamenti di bellezza e benessere migliorativi dello stato psico-fisico del paziente e sinergici con la terapia antitumorale che sta seguendo - spiega Giuseppe Lacorte, presidente territoriale e regionale della categoria Servizi alla persona di Confartigianato - APEO ha avviato un percorso formativo, messo a punto in collaborazione con i medici e le figure sanitarie dell‘Istituto Europeo di Oncologia e condiviso da Confartigianato Benessere, mirato a formare le competenze scientifiche necessarie alla comprensione delle patologie e terapie oncologiche, oltreché delle conseguenze da esse prodotte a livello cutaneo al fine di adattare metodi, manualità e strumenti dei trattamenti di bellezza e benessere alle condizioni particolari di un paziente oncologico. Benessere sì, ma non improvvisato. Questa la regola generale che dovrebbe valere sempre e per cui la nostra Associazione si batte, ma in questo caso la professionalità degli operatori è essenziale per fare davvero il bene del paziente”.

L’appello è disponibile per la sottoscrizione al link http://www.esteticaoncologica.org/appello/
Tra i primi firmatari, ricordiamo il professor Umberto Veronesi.

“Il benessere psicofisico di una donna che ha affrontato la malattia oncologica, sottoponendosi a cure molto pesanti e invasive, è estremamente importante sia durante la malattia che al suo rientro lavorativo, sia in qualità di dipendente o titolare di impresa – commenta Elena Ghezzi, presidente del Movimento Donne Impresa di Lecco e regionale - Partendo dal presupposto che la qualità di vita deve intendersi non solo dal punto di vista della salute ma con un’accezione di benessere più ampia, ritengo fondamentale l’attività che le professioniste del settore benessere svolgono in maniera consapevole e competente. Da apprezzare tutta l’attività di formazione e approfondimento che la nostra Associazione offre alla categoria del benessere e in qualità di presidente del Gruppo Donne di Confartigianato confermo la nostra disponibilità a supportare questo tipo di iniziative lavorando in assoluta sinergia. Abbiamo in calendario una serie di incontri formativi con medici illustri che apriremo a tutte le donne per diffondere il più possibile la cultura della prevenzione”.

A supporto dell’iniziativa di APEO, il mese di marzo a Lecco si concluderà con un evento aperto alla cittadinanza lunedì 25 marzo alle 20.30 presso la sede di via G. Galilei 1.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Maggio 1961 Papa Giovanni XXIII pubblica la lettera enciclica Mater et Magistra sulla cristianità e il progresso sociale

Social

newTwitter newYouTube newFB