Lecco, 23 giugno 2020   |  

Fermato dalla Polizia di Stato, doveva scontare una condanna

Irregolare sul territorio nazionale, è stato denunciato anche per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato

CroppedImage720439-questura-nuova-macchina-1

Fermato dalla Polizia di Stato, è risultato essere destinatario di un ordine di carcerazione per il reato di ricettazione, con ancora 3 anni e 4 mesi di reclusione da espiare e 1400 euro di multa da pagare.

A bloccare il sospetto una volante che questa mattina alle 6.30 stava effettuando un posto di controllo sul Lungolario Isonzo di Lecco. All’atto del controllo di polizia il conducente è risultato privo di qualsiasi documento di identificazione, ragione per la quale è stato accompagnato in Questura per accertamenti.

Dai rilievi effettuati dal Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica il soggetto è stato identificato in un 34enne moldavo, pluripregiudicato con numerosi precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio; lo stesso è risultato, inoltre, destinatario di un ordine di carcerazione per il reato di ricettazione, con ancora 3 anni e 4 mesi di reclusione da espiare e 1400 euro di multa da pagare.

Inoltre, essendo irregolare sul territorio nazionale, è stato denunciato anche per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Per queste ragioni è stato condotto alla Casa Circondariale di Lecco a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Settembre 1540 l'Ordine dei Gesuiti riceve il proprio statuto da Papa Paolo III

Social

newTwitter newYouTube newFB