Milano, 24 ottobre 2017   |  

Educazione alla legalità promossa dalla Lombardia. Il via agli Stati generali con studenti, genitori e insegnanti

Il presidente del consiglio regionale, Cattaneo: «Occorre un grande lavoro educativo per sconfiggere l’area grigia della furbizia e della scorciatoia»

IMG 3981

“Quello che stiamo facendo oggi è davvero molto importante, perché non c’è cambiamento che non parta dalla cultura e dall’educazione”. Con queste parole il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo ha aperto a Palazzo Lombardia gli “Stati generali dell’Educazione alla Legalità”, l’iniziativa che coinvolge 28.000 studenti, 30.000 genitori e 2.000 insegnanti e che è alla sua terza edizione. “Il tema della legalità - ha continuato Cattaneo – tocca la vita di tutti noi. Una recente indagine Istat ha rilevato che il 7,9% delle famiglie italiane ha avuto a che fare con episodi di corruzione, e soprattutto, cosa anche più grave - ha sottolineato il Presidente – l’85% di esse ha ritenuto che pagare un prezzo per ottenere qualcosa attraverso una via corruttiva sia stato utile e necessario. Solo il 2% ha denunciato l’episodio”. “L’area grigia del compromesso va sradicata, perché le scorciatoie indeboliscono la collettività e la sua coesione”. “La giustizia e l’etica riguardano ogni ambito di attività e di vita – ha concluso Cattaneo, citando una riflessione di Papa Francesco e rivolgendosi direttamente ai molti ragazzi presenti – per questo vi chiedo di scegliere sempre la via della legalità nella vita di tutti i giorni, nel lavoro e nelle relazioni, per costruire un Paese in cui sia bello vivere e crescere, tutti insieme.”

All’evento hanno partecipato anche l’Assessore regionale alla Sicurezza Simona Bordonali, l’Assessore regionale all’Istruzione Formazione e Lavoro Valentina Aprea, l’Assessore alla sicurezza del Comune di Milano Carmela Rozza e Delia Campanelli, direttore dell’Ufficio Scolastico regionale. Fuori, sulla piazza Città di Lombardia, i tredici stand e i laboratori dei CPL (Centri di Promozione della Legalità) delle Province lombarde, i colori, i cartelli, gli spettacoli teatrali e i flash mob dei ragazzi .

I CPL (istituiti in ogni provincia, cui si aggiungono i due dell’area metropolitana di Milano) sono caratterizzati da una scuola capofila di reti di istituti scolastici (da un minimo di 10 a un massimo di 100 istituti) e da enti, associazioni, istituzioni che sul territorio si occupano di lotta alla corruzione.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Febbraio 1931 viene varata la Amerigo Vespucci, tuttora in servizio, ed utilizzata per l'addestramento degli allievi dell'Accademia Navale di Livorno.

Social

newTwitter newYouTube newFB