Lecco, 06 settembre 2018   |  

Economia lecchese: trend positivo ma la crescita rallenta

L’indagine traccia uno scenario generalmente positivo, anche se il ritmo di crescita è inferiore a quello registrato nel semestre precedente.

lorenzo riva 2017

I dati dell’Osservatorio Congiunturale relativo al primo semestre 2018, realizzato dai Centro Studi di Confindustria Lecco e Sondrio e Unindustria Como, tracciano un quadro con risultati positivi, anche se il ritmo di crescita è inferiore rispetto ai livelli della seconda metà del 2017.

Gli indicatori riguardanti domanda, attività produttiva e fatturato mostrano omogeneamente un incremento su entrambi gli orizzonti temporali di riferimento. La variazione tendenziale, misurata attraverso il confronto con il semestre gennaio-giugno 2017, si attesta mediamente a +1,6%; sul fronte congiunturale, invece, il dato medio per i tre indicatori risulta superiore e pari a +2,4%, mantenendosi però sotto le previsioni formulate in occasione della precedente edizione dell’Osservatorio (+3,5%).

Le ipotesi sulla seconda metà del 2018 restano positive, con valori contenuti almeno per quanto riguarda la domanda e l’attività produttiva, entrambe previste al +1%, mentre per l’andamento del fatturato traspare una maggiore fiducia con aspettative di crescita al +2,3%.

L’analisi del tasso medio di utilizzo degli impianti di produzione da parte delle imprese del campione durante il primo semestre rivela un impiego del 76%, dato di circa quattro punti inferiore a quanto esaminato nell’edizione dell’Osservatorio riferita al secondo semestre 2017 (79,7%). Sono rilevabili differenze sia a livello dimensionale, dove le imprese con oltre 50 occupati mostrano un utilizzo della capacità produttiva (80,8%) superiore rispetto alle realtà più piccole (72%), sia esaminando i diversi settori, che rivelano un impiego decrescente partendo dalle produzioni metalmeccaniche (80,9%) a quelle tessili (75,1%), fino a quelle degli altri settori (72,5%) globalmente considerati.

La produzione non realizzata internamente ma affidata in outsourcing determina un’ulteriore quota di quattro punti percentuali e risulta legata prevalentemente a subfornitori nazionali (3,7%), mentre il contributo dei rapporti con i soggetti operanti oltre confine è residuale (0,3%).

L’esame dei giudizi riguardanti l’andamento del fatturato nei mesi finali del semestre, e in particolare nel periodo aprile-giugno, mostra un aumento dell’intensità degli scambi che riguarda sia il mercato interno, sia le esportazioni. Nel dettaglio, oltre quattro realtà su dieci (42,5%) comunicano un aumento delle vendite nel mercato domestico, mentre circa un terzo delle imprese (36,1%) indica una crescita dell’export. La quota di fatturato generato oltre i confini nazionali risulta pari al 37,6% del totale, a conferma della forte propensione all’internazionalizzazione delle imprese dei tre territori.

I paesi dell’Europa Occidentale (19,7%) rappresentano la principale meta di destinazione dell’export, assorbendo oltre la metà del fatturato oltre confine; sono tuttavia importanti le vendite dirette in Est Europa (3,5%), nei BRICS (3,1%), negli Stati Uniti (2,8%) e in Asia Occidentale (2,4%). In tale quadro le imprese di medio-grandi dimensioni rivelano una maggior quota di fatturato estero (52,6%) rispetto a quella realizzata dalle imprese fino a 50 occupati (25%).

I costi sostenuti dalle aziende per l’approvvigionamento delle materie prime rivelano una crescita nei primi sei mesi dell’anno, sia a livello congiunturale sia sul fronte tendenziale, nell’ordine di circa tre punti percentuali. In media, l’incidenza dei costi delle materie prime sul totale dei costi aziendali si attesta a quota 39,1%, dato di circa due punti percentuali più elevato rispetto a quanto rilevato nella precedente edizione dell’Osservatorio (37%).

I giudizi espressi riguardo i rapporti tra le imprese del campione e gli Istituti di credito non delineano particolari situazioni di peggioramento delle criticità. Le indicazioni rilevate riguardano infatti la stabilità per otto imprese su dieci, mentre nel caso delle spese e delle commissioni applicate, oltre che della richiesta di tassi e garanzie, è riscontrabile un peggioramento nell’11,7% dei casi, a fronte di un miglioramento nel 5,2%.

Sul fronte occupazionale si registra stabilità dei livelli per circa i tre quarti (74,2%) delle realtà del campione, ma è al contempo rilevabile una prevalenza di giudizi di aumento della forza lavoro, indicata dal 17,5% delle imprese, rispetto ai giudizi di diminuzione, segnalati dal restante 8,3%.

“Il quadro dei dati del primo semestre è in linea generale buono ed è confermato dal sentiment degli imprenditori - commenta il Presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva. Tuttavia, in questo periodo le preoccupazioni nel mondo produttivo non mancano: i primi provvedimenti del Governo non sono stati certo a favore delle imprese e i timori che si prosegua così sono innegabili. Ora attendiamo soprattutto la Legge di Stabilità, che sarà un banco di prova. Noi speriamo che i nostri timori vengano fugati da provvedimenti dove l’impresa e le politiche per la crescita siano finalmente centrali. Il presidente Boccia ha più volte sottolineato, a questo proposito, la necessità di favorire l'assunzione dei giovani attraverso l'azzeramento dei carichi fiscali per i primi due o tre anni e di sperimentare la flat tax a partire dal mondo della produzione. La crescita si può avere solo incoraggiando gli investimenti privati e pubblici e non caricando le imprese di ulteriori oneri”.

“Un’altra ferita aperta, da sanare urgentemente, è quella delle infrastrutture. Un tema sul quale insistiamo da anni - evidenzia il Direttore Generale di Confindustria Lecco e Sondrio, Giulio Sirtori - e riportato all’attenzione di tutti, ancora una volta, da una gravissima tragedia. Se questo nodo non verrà risolto in tempi brevi, l’Italia non potrà che continuare a pagare un alto prezzo, in termini prima di tutto umani e poi anche da un punto di vista dell’andamento delle attività economiche, che hanno forzatamente necessità di infrastrutture all’altezza per mantenersi competitive”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Novembre 2002 l'Argentina va in default su un pagamento di 805 milioni di dollari statunitensi alla Banca mondiale.

Social

newTwitter newYouTube newFB