Lecco, 02 agosto 2018   |  

Economia lecchese: corrono l'industria e l'artigianato

Il commercio evidenzia una crescita del volume d'affari. Riva: "Il bilancio dei primi sei mesi di quest'anno è molto positivo".

lavorare ferro

La nuova analisi congiunturale effettuata dalla Camera di commercio di Lecco  evidenzia come per l'industria e l'artigianato lecchesi nei primi sei mesi dell'anno produzione, ordini e fatturato crescano significativamente. Aumenta anche il volume d'affari nei servizi e nel commercio (rispettivamente +6,2% e +1,4%).

Il Presidente della Camera di Commercio di Lecco, Daniele Riva, commenta con soddisfazione i risultati dell’indagine congiunturale del secondo trimestre 2018: “Dopo un 2017 e un inizio 2018 molto positivi, anche il secondo trimestre continua ad evidenziare numeri in crescita: rispetto al corrispondente periodo del 2017, infatti, nel comparto industriale, la produzione registra un incremento del 4,7%, gli ordini del 6,5% e il fatturato del 6,2%. Buono anche l'andamento dell'artigianato: produzione +4,1%, ordini +2,9% e fatturato +2,6%".

“Numeri in crescita - prosegue - anche sul fronte occupazionale: nell' industria la variazione rispetto a fine giugno 2017 si è attestata a +3%, mentre nell'artigianato l'occupazione è rimasta pressoché stabile (-0,2%). Migliorano anche i dati delle vendite e degli addetti nel terziario: il commercio evidenzia una crescita del volume d'affari del 2,1% e un aumento dello 0,9% per l’occupazione; i servizi mettono a segno un +6% delle vendite, mentre l'occupazione rimane stabile (+0,1%)”.

"Il bilancio dei primi sei mesi di quest'anno è molto positivo - continua il Presidente Riva - tutti gli indicatori dei vari comparti evidenziano aumenti significativi e, nella maggioranza dei casi, superiori alla media lombarda. La rilevazione evidenzia d'altro canto, un peggioramento delle aspettative degli imprenditori per il terzo trimestre; i saldi tra ottimisti e pessimisti tornano negativi in quasi tutti i settori".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB