Bevera, 09 settembre 2017   |  

Don Marco Tagliabue e i parroci emeriti introducono la Festa di Bevera

di Italo Allegri

Il nuovo parroco di Bevera don Marco Tagliabue, introduce le celebrazioni della Festa patronale venerdì 8 settembre, concelebrando con i parroci emeriti e prende possesso della parrocchia di Santa Maria Nascente.

IMG 2980

Don Marco Tagliabue prende possesso della parrocchia di Santa Maria Nascente di Bevera venerdì 8 settembre con la solenne celebrazione che introduce la Festa patronale. Con lui hanno concelebrato i parroci emeriti della parrocchia, appartenente alla Comunità pastorale Maria Regina degli Apostoli, don Fabrizio Crotta – il primo emerito in ordine di tempo, perché da un sol giorno si è insediato nella Comunità pastorale di Vergiate – don Ambrogio Ratti, residente presso il Santuario, e don Enrico Vitali; a loro si è unito don Marco Bassani, prete Fidei Donum che attualmente coadiuva Ambrogio prete presso il Santuario.

Come è consuetudine la Santa Messa è stata preceduta dalla processione con la Madonnina di Bevera, portata dall’Istituto Missoni Consolata fino al Santuario in una suggestiva cornice di flebili luci dei flambeuax, disposta poi all’ingresso del presbiterio. Interno della chiesa illuminato per le grandi solennità. Il prezioso dossale dell’altare adorno di fiori. Grande partecipazione di fedeli che hanno occupato sia la navata che i due transetti laterali.

Don Marco ha preso spunto dalla genealogia della Vergine Maria proclamata nel Vangelo per consegnare ai presenti alcuni spunti di riflessione.

La prima che il «nostro Dio non rimane lassù in cielo, ma entra nella storia, nelle relazioni umane, nella rete di comunicazione della comunità». Anzi, con l’incarnazione «di Maria si è messo a camminare con noi». Ma c’è di più, perché «Dio entra nella storia di tutti, nessuno escluso» e conosce ciascuno personalmente.

Anche i sacerdoti hanno la loro genealogia, come conferma la presenza dei preti emeriti celebranti e quelli che ormai sono tornati alla casa del Padre: don Michele Dossi e don Vittorio Baroni. Ciascuno alla fine vive la propria epoca. Ma la benevolenza di Dio si estende indifferentemente su ogni periodo: «da una grazia particolare a ciascuno nella storia». Questo significa dire che Dio vuole porre la «sua tenda in mezzo a noi: nell’epoca dei nonni attuali, dei genitori attuali, dei giovani attuali».

Ritorno di nuovo sulla genealogia don Marco per attingere lo spunto del secondo pensiero.

La pagina di vangelo elenca tantissimi, nomi, difficili da ricordare ma anche da pronunciare. Alcuni sono nomi altisonanti come la sapienza di Salomone, altri invece appartengono a pagine di storia tristi, come la deportazione a Babilonia. Ci sono quindi – usando una espressione comune e corrente – periodi di «grassa o di magra». Anche noi talvolta ci chiediamo se viviamo in un’epoca di «grassa o di magra». E spesso ciascuno pensa di vivere in un’epoca di «magra», nonostante dentro di noi ci siano tante potenzialità. Tuttavia in ogni epoca «Dio è sempre presente, sia quando si vive un’epoca con un cristianesimo di popolo, sia quando come cristiani ci sentiamo in un periodo di transizione». La certezza della presenza di Dio in mezzo a noi e della sua fedeltà in qualsiasi condizione umana, diventa allora un «segno di speranza, al di là dei tempi». Quindi «anche noi ci sentiamo parte di una genealogia, quella dei testimoni della fede in Gesù Cristo e del suo Vangelo».

Al termine della celebrazione don Marco ha elogiato la comunità di Bevera: «Avete un coro fantastico; è il primo coro che senta cantare così bene il canto della Comunione». Impartita la benedizione, bacio della reliquia della Beata Vergine Maria, quindi i parrocchiani hanno avuto modo di salutare don Fabrizio in partenza per Vergiate e i suoi predecessori presente. Cordialità che si è prolungata sotto il tendone della festa attorno alla mensa imbandita per un gustoso rinfresco.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Settembre 2008 Taro Aso, 68 anni, è il primo cristiano ad essere eletto primo ministro in Giappone.

Social

newTwitter newYouTube newFB