Bormio (SO), 28 dicembre 2017   |  

Discesa libera di Coppa del Mondo: Paris è il re di Bormio

Sulla pista della Stelvio l'azzurro mette dietro i norvegesi Aksel Svindal e Kjetil Jansrud

DSI515NW4AAP1ax.jpg large

Un giorno memorabile per lo sci azzurro, il ritorno alla vittoria di Dominik Paris, un ritorno che chiude un digiuno stagionale dei ragazzi italiani che durava da 13 gare e che cominciava a diventare pesante. Una prova maiuscola quella del colosso di Santa Valpurga, in Val d’Ultimo, che denota una grande crescita di condizione, beneagurante a poco più di un mese dall’Olimpiade Invernale di PyeongChang. Paris aveva già vinto a Bormio il 29 dicembre 2012 parimerito con l’austriaco Hannes Reichelt, ma questa volta il sapore è ancora più intenso.

Potenza, classe, coraggio. Ci sono tutte le componenti nella prova dell’azzurro. Un tuffo il suo sui 3250 metri ed i 1010 di dislivello della pista Stelvio che ha lasciato senza fiato. Aggressivo dalla partenza al Praimont, strepitoso sui curvoni di Fontana Lunga e di Pian dell’Orso, linea alta nel passaggio alla Carcentina, Paris si è scomposto solo sul lunghissimo salto di San Pietro, ma è rimasto in piedi con un gesto acrobatico che gli ha evitato di cadere e di perdere velocità prima dei curvoni finali sempre determinanti. E dalla Konta in giù l’azzurro ha costruito il suo trionfo, credendoci sino all’ultimo metro.

Non ha vinto per gli errori degli altri. Anche i norvegesi Aksel Svindal e Kjetil Jansrud hanno sciato alla grande e lo hanno braccato, 4/100 di secondo per il primo sul traguardo, 17/100 per il secondo; nulla su una pista lunga e complessa come la Stelvio. Ma se la gara è stata possibile lo si deve al miracolo delle 200 persone (30 dipendenti della Società impianti di Bormio e altrettanti volontari) che per tutta la notte hanno lavorato sulla pista per rimuovere le migliaia di metri cubi che la nevicata di ieri e della prima parte della notte aveva depositato sulla pista. Un lavoro oscuro ma fondamentale che ha permesso la disputa di una discesa sempre fra le più spettacolari ed emozionanti dell’intero circuito mondiale.

La vittoria di Paris è un tonico per il morale di tutta la squadra azzurra di velocità, anche se Fill e Innerhofer non sono stati all’altezza delle attese. Infortuni per il francese Matthieu Bailet, frattura e lussazione della spalla sinistra, mentre solo contusioni all’emitorace, al bacino ed al ginocchio del lato destro per il tedesco Dominik Schwaiger, protagonista di una spettacolare caduta al salto della Rocca. Solo ammaccature anche per l’altro francese Fayed e per lo statunitense Ganong.

Domani, sempre sulla pista Stelvio è in programma la combinata: la discesa prenderà il via alle ore 11.30, lo slalom conclusivo alle ore 15.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Agosto 1991 la Lettonia dichiara l'indipendenza dall'Unione Sovietica

Social

newTwitter newYouTube newFB