Olginate, 28 maggio 2021   |  

Diego Crippa e Annarita Borrelli autori di importanti opere di Archeologia Subacquea

di Italo Allegri

L’olginatese Diego Crippa e la poetessa Annarita Borrelli sono autori di una collana dedicata all’Archeologia Subacquea: Negli abissi dell’isola. Più volumi con storie tra fantasie e avventura, corredati di un prezioso catalogo iconografico narrativo.

00 L ABC ICON il catalogo delle Ancore Anfore e Navi Antiche

Diego Crippa di Olginate è un personaggio assai versatile e poliedrico innamorato dell’ambiente. Perciò si batte per la sua difesa e salvaguardia dalle cime innevate di Livigno fino ai suggestivi fondali della Sardegna. Ma è soprattutto nel mare che ha maturato una esperienza trentennale attuando immersioni a tutto campo. Inoltre, in ambito sportivo pratica lo sci, lo sci nautico, lo snowboard, il wakeboard, percorre sentieri impervi con la mountain bike, si addentra nei boschi alla ricerca di funghi. E quando è in casa, si dedica al modellismo navale, oppure progetta e costruisce acquari altamente funzionali da inserire nel contesto ambientale.

La meticolosità con cui scruta l’ambiente subacqueo, dopo aver appreso le tecniche indispensabili per praticare in sicurezza questo meraviglioso sport, negli ultimi quindici anni ha portato Diego a contatto con reperti archeologici giacenti sui fondali, che hanno suscitato in lui l’interesse per questa materia tanto affascinante come l’Archeologia Subacquea. Il coinvolgimento emotivo è tale che non si accontenta di cercare, ammirare, censire, ma approfondisce le proprie conoscenze e inizia così a redigere appunti per una storia da narrare situata nel mondo sommerso.

Le circostanze conducono Diego all’incontro con la poetessa e scrittrice Annarita Borrelli con la quale nel 2019 realizza l’opera letteraria a cui da tanto tempo aspirava sui temi a lui più cari: Negli abissi dell’isola, immerso nell’archeologia con le sirene, scegli la tua storia: vol. II, Il pirata delle immagini; vol. III, La denuncia; vol. IV, Lo Studio. Si tratta di una narrazione fantastica, una saga dedicata a chi non può parlare. È un lungo percorso sviluppato tra fantasia e avventura contenuto in quattro volumi. Attraverso questo itinerario i due autori “denunciano i soprusi che l’uomo, sin da sempre, opera nei confronti della legge della natura, del grande mare e della memoria storica raccontata attraverso lo studio dell’archeologia”.

La passione per l’Archeologia Subacquea è innata in Diego, ma si è ulteriormente consolidata con l’approccio scientifico per corrispondere al senso dell’etica civica: “Direi che questa passione è stata dettata dalla profonda necessità di salvaguardare un mio antico ritrovamento risalente agli anni 2000” nei fondali dell’Isola Rossa in Sardegna.

Annarita invece spiega il significato della sua avventura: “Personalmente amo il senso del ‘meravigliarsi’, per cui sento in me il valore dell’avventura e, al contempo, la necessità dello studio e della competenza, nel caso in cui sia necessario discutere di qualsiasi tematica, compresa l’Archeologia Subacquea, cosa che è accaduta quando con Diego, abbiamo deciso di scrivere su questo tema. Per cui, alla fine, direi qualcos’altro: amore per le cultura”.

Un connubio culturale solido e proficuo che ha portato i due autori a scrivere sei libri di cui l’ultimo in ordine di tempo della stessa collana Negli abissi dell’isola è: L’ABC delle Ancore, Anfore e Navi Antiche, il Catalogo. Quest’opera “è un vero e proprio capolavoro, unico al mondo, nato per conoscere, identificare e datare tutti i reperti di Archeologia Subacquea dalla preistoria all’XI secolo d.C.”. E puntualizza Diego: “Dopo averlo realizzato con una modalità interattiva e multimediale mi sono accorto delle innumerevoli potenzialità innovative che è in grado di esprimere. Io stesso ogni volta che lo uso, scopro nuove caratteristiche. Si ha l’impressione che questo lavoro prenda vita evolvendosi con l’uso nel tempo”.

Riguardo a quest’ultima opera Annarita delinea il filo conduttore che unisce tra loro le sei pubblicazioni: “Sì, abbiamo scritto diversi libri ispirati al tema del mondo sommerso fino ad arrivare ad un qualcosa di estremamente tecnico, cioè L’ABC ICON il Catalogo. In realtà il modello concettuale che permea non solo i nostri lavori ma anche il nostro modo di essere e di concepire il sano vivere etico in questo mondo, si basa sul grande valore che attribuiamo al potere della Natura e alla sua antichissime Leggi. A partire da questo input leggerete ogni nostra parola lasciata alla memoria di chi avrà la curiosità e magri anche il piacere di leggerlo”. E ai marinai periti nel naufragio dell’Isola Rossa in Sardegna secoli or sono, Annarita dedica un ricordo attraverso con una sua poesia.

Il progetto che si profila ormai all’orizzonte è l’uscita dell’intero romanzo “Negli abissi dell’Isola”.

Chi desidera approfondire le personalità dei due autori e delle loro opere può consultare i rispettivi siti:

Diego Crippa: https://www.diegocrippa.com

Annarita Borrelli: https://www.annaritaborrelli.com

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

13 Agosto 1943 durante la seconda Guerra Mondiale Roma viene nuovamente bombardata dagli Alleati.

Social

newTwitter newYouTube newFB