Lecco, 10 febbraio 2024   |  

Di nuovo

di Pietro Raimondi

Lo ripete. Lo rifà di nuovo perché anche la gente ha di nuovo fame.

img 20240201 wa0000 014130072939850352189

Lo ripete. Lo rifà di nuovo perché anche la gente ha di nuovo fame. L’evangelista Marco narra qui una seconda “moltiplicazione” dei pani e dei pesci. Era dunque abitudine di Gesù dar da mangiare agli affamati. Di nuovo. È bella questa espressione. Ci ricorda che i bisogni dell’umanità non sono soddisfatti “una tantum”. Bisogna provvedere di nuovo, di continuo. E continuo deve essere il nostro curarci degli altri. Si avvicina la quaresima e ci chiediamo: che digiuno farò? I più coraggiosi però si chiederanno: chi sta digiunando a causa mia? Di chi sento compassione al punto da decidere di agire per sfamare i suoi bisogni?...https://lalocandadellaparola.com/2024/02/10/di-nuovo-3/