Dervio, 29 luglio 2018   |  

Dervio: lo spettacolo dei mondiali di vela si chiude con un successo italiano

Le dieci regate in programma sono state portate tutte a termine dai novantotto equipaggi provenienti da dieci nazioni.

vela4

Si sono conclusi con una vittoria italiana (risultato mai raggiunto nelle 18 precedenti edizioni) i Mondiali della classe Dart 18 tenutisi nella splendida cornice di Dervio sul Lago di Como. Le dieci regate in programma sono state portate tutte a termine dai novantotto equipaggi provenienti da dieci nazioni.

Medaglia d’oro per gli azzurri Alessandro Siviero (CN Volano) e Marco Tramutola (ASD Assonautica Viterbo) che grazie agli ottimi risultati ottenuti nell’arco della settimana si piazzano in cima alla classifica finale seguiti dagli svizzeri Michiel Fehr e Andri Fried e dagli inglesi David Lloyd e Anne Chaumet-Lagrange. E’ la prima vittoria di un equipaggio italiano nei mondiali di classe Dart 18, quando nelle precedenti edizioni gli azzurri non avevano mai vinto neppure una singola regata: Dervio ha quindi portato bene ai nostri colori.

Il campionato è stato ottimamente organizzato dal Centro Vela Dervio, grazie all’opera di una quarantina di volontari, in collaborazione con la Federazione Italiana Vela e le associazioni della classe velica Dart, 6 anni dopo l’ultima edizione italiana a Punta Ala, in Toscana, nel 2012. Solo un’altra volta il campionato era stato ospitato in Italia, e le precedenti edizioni si erano svolte in Gran Bretagna, Germania, Nuova Caledonia, Sudafrica, Francia, Portogallo, Olanda, Belgio e sull’isola di Aruba. Niente male quindi per una piccola località come Dervio aver ospitato questo grande evento, se poi si considera che il prossimo mondiale della classe Dart 18 si terrà in Thailandia dal 12 al 22 febbraio 2019.

Perfetta è stata la logistica a disposizione degli atleti grazie anche alla determinante collaborazione del Comune di Dervio, che ha garantito gli spazi per ospitare barche e veicoli al seguito oltre al parco Boldona dove si sono svolte le cerimonie di apertura e chiusura e, ogni sera, un evento sociale offerto dagli organizzatori ai regatanti con buon cibo, fiumi di birra e ottima musica. Il campo di regata è stato molto apprezzato, con vento in crescita con il passare dei giorni e il panorama mozzafiato del lago di Como, tanto che molti dei partecipanti hanno chiesto ai responsabili della classe di vela di riproporre nuovamente Dervio (e sarebbe la prima volta) come sede dei mondiali nei prossimi anni.

Un grande successo per Dervio grazie anche all'ottima l’accoglienza da parte della popolazione, con giudizi unanimi sullo spettacolo offerto da questi campionati e sul movimento generato dal punto di vista del turismo. Notevole infatti è stato l’impatto sul territorio a livello turistico, con circa 300 persone presenti ospiti delle strutture ricettive derviesi, e non, con una ricaduta non indifferente in termini economici sul territorio che dovrebbe far comprendere una volta per tutte come Dervio abbia la possibilità di consolidare la propria vocazione verso lo sport della vela anche con un occhio rivolto alla propria economia, attraverso il turismo e uno sviluppo sostenibile del territorio.

Grande la soddisfazione anche da parte dell'Amministrazione Comunale, che grazie alla sinergia con i centri velici si è assicurata anche per i prossimi anni eventi di notevole livello. Con il passare degli anni infatti Dervio si conferma sempre più una delle capitali della vela, con un susseguirsi di iniziative che assumono un'importanza sportiva sempre maggiore a livello nazionale e internazionale, e che incidono in modo sempre più importante anche nell'economia stessa del paese. Per i prossimi due anni sono infatti già stati assegnati a Dervio il campionato europeo Laser, i mondiali giovanili e master Nacra per le classi 17, 49, 49RX e i campionati italiani giovanili di tutte le classi in doppio che richiameranno complessivamente in paese un altro migliaio di regatanti.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB