Lecco, 30 giugno 2017   |  

Dalla strada per Morterone alla vetta del Monte Due Mani

di Giancarlo Airoldi

Continua il viaggio di Resegoneonline alla scoperta dei sentieri noti e meno noti (ma ugualmente belli) delle nostre montagne.

cartina sentiero due mani

Percorrendo la strada provinciale 63 che da Ballabio porta a Morterone, lasciamo la macchina dopo circa dieci chilometri in uno spiazzo sulla destra. A monte della strada troviamo la palina segnaletica e iniziamo il nostro percorso. Risalendo da un sentiero abbastanza ripido ci inoltriamo in una bella faggeta. Proseguiamo seguendo alcuni segnavia rossi. Salendo a zig zag superiamo alcuni tornanti. Il tracciato procede a mezza costa ombreggiato da un bel bosco e attraversiamo alcuni ruscelli.

Usciti dal bosco si inizia a scorgere la grande croce di vetta e il bivacco ad igloo, che occupano la vetta del monte Due Mani. Con piacevolissima camminata ci si avvicina alle pendici orientali del monte che si raggiungono in corrispondenza della bocchetta di Desio nelle cui vicinanze sorgono alcune cascine in rovina. Qui inizia la salita più impervia con un primo tratto ancora ombreggiato dalla vegetazione sempre meno fitta e dopo alcuni tornanti su pendii erbosi ci avviciniamo alla vetta.

Arrivati a un tornante con un bivio prendiamo la deviazione che procede verso sinistra, dopo un lungo diagonale con un'ultima deviazione a destra raggiungiamo il bivacco e la croce di vetta. Il bivacco posto su un bellissimo balcone panoramico con vista su Lecco e parte della Valsassina è dedicato a Marco Locatelli, Plinio Milani e Enrico Scaioli. La struttura è stata recentemente ristrutturata da alcuni volontari e soci del CAI di Ballabio.

tabella sentiero due mani

Si ringraziano Paolo Tentori per la collaborazione alla stesura dei testi e il fotografo Federico Cattaneo per la parte grafica. I percorsi sono stati tracciati per l'occasione con il Gps direttamente da Giancarlo Airoldi.

Il racconto fotografico della salita al Monte Due Mani:

BIVACCO DUE MANI

Il bivacco sulla vetta del Monte Due Mani

 

DUE MANI croce bivacco e panorama003

Il panorama dal Monte Due Mani

 

croce bivacco escursionista DUE MANI 021

In vetta al Monte Due Mani

 

DUE MANI vista sul grignone dal bivacco024

Le Grigne viste dall'interno del bivacco sul Due Mani

 

vista dal DUE MANI su grigne 054

Guardando verso le Grigne dal Due Mani

 

il bivacco in vetta al DUE MANI 058

Sulla vetta del Monte Due Mani

 

LEGGI ANCHE: Monte San Martino: al rifugio Piazza per il sentiero 52
LEGGI ANCHE: In vetta al Monte Magnodeno lungo il sentiero 25A
LEGGI ANCHE: Salita al Corno Medale lungo il sentiero 56A
LEGGI ANCHE: Da Laorca alla scoperta del Monte Melma lungo il sentiero Spada
LEGGI ANCHE: Il Monte Cornizzolo e San Pietro al Monte
LEGGI ANCHE: Da Rancio in vetta al San Martino lungo il sentiero Silvia
LEGGI ANCHE: Due passi ai piedi del Grignone, da Baiedo a San Calimero
LEGGI ANCHE: Dai Piani dei Resinelli al Rifugio Rosalba lungo il sentiero delle Foppe
LEGGI ANCHE: Rifugio Griera: quattro passi ai piedi del Legnone
LEGGI ANCHE: Da Lecco alla vetta del Resegone lungo lo storico sentiero 1
LEGGI ANCHE: Il Sentiero del Viandante: da Lierna a Varenna per la variante alta
LEGGI ANCHE: Da Dervio a Colico passeggiando sul Sentiero del Viandante
LEGGI ANCHE: Alla scoperta della Val Biandino e dei suoi sentieri

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Agosto 1419 posa della prima pietra dello Spedale degli Innocenti a Firenze, ritenuto il primo edificio rinascimentale mai costruito

Social

newTwitter newYouTube newFB