Lecco, 21 marzo 2020   |  

Dai cacciatori lecchesi 20mila euro per l'ospedale Manzoni

Acquistati 10 materassi antidecubito, 9 pompe a siringa e una stazione di impilaggio per pompe.

OSPEDALE MANZONI 011

I primi 20mila euro della raccolta fondi avviata dalla Federazione italiana della caccia Provinciale, rappresentata dal Presidente, Luigi Carissimi, dal Comprensorio Alpino, Alpi Lecchesi, rappresentato dal Presidente Marco Cendali, dal Comprensorio Prealpino, Prealpi Lecchesi, rappresentato dal Presidente Roberto Combi, sono stati destinati alla struttura sanitaria prescelta, l’Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco.

Sono stati utilizzati per acquistare materiale sanitario, già consegnato, individuato dalla medesima struttura sanitaria e precisamente:
n. 10 materassi antidecubito;
n. 9 pompe a siringa;
n. 1 stazione di impilaggio per pompe.

Continua la raccolta volontaria di fondi della Federcaccia Provinciale, per il tramite delle rispettive Sezioni Comunali, da parte dei loro associati e cacciatori.

Ssono stati infatti raccolti altri 8.860 euro che verranno anch’esse destinate alla medesima struttura e con un’identica procedura. Altre Sezioni Comunali, consce della gravità del momento, hanno preferito devolvere le somme raccolte trasferendo liquidità’ al medesimo ente ospedaliero.

"Un ringraziamento - spiega l'organizzazione - va a tutti coloro che, con la loro perseveranza, con il loro impegno, con la loro dedizione e con la loro organizzazione, hanno reso possibile queste iniziative: la Federcaccia e le strutture dirigenziali dell’Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco. Mi rivolgo a chi, pur essendo estraneo al mondo venatorio, ma volesse condividere, sostenere e contribuire alla realizzazione di un’idea facendola diventare realtà con una donazione, può utilizzare il conto corrente della Federcaccia Provinciale di Lecco".

Coordinate bancaria:
Codice Iban: IT89W0760110900001020783666
Causale: raccolta fondi per donazione Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

8 Aprile 1848 il battaglione San Marco ha il suo battesimo del fuoco a Goito. Lo stesso giorno entra in azione anche il neonato corpo dei Bersaglieri.

Social

newTwitter newYouTube newFB