Lecco, 02 agosto 2017   |  

Corrosione. Combattere la corruzione nella Chiesa e nella società

di Gabriella Stucchi

Con la Prefazione di papa Francesco si apre il libro del card.Turkson, già arcivescovo di Cape Coast e presidente dei vescovi del Ghana, dal 2016 prefetto del nuovo Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano integrale.

Corrosione libro

«La corruzione – sono le prime parole di papa Francesco nella Prefazione - definisce una lacerazione, una rottura, una decomposizione e disintegrazione, sia come stato interiore sia come fatto sociale». Essa «spezza i pilastri sui quali si fonda una società, sostituendo il bene comune con un interesse particolare che contamina ogni prospettiva generale».

Gli interventi di Turkson sono sollecitati dalle domande di Vittorio Alberti, filosofo e officiale della Santa Sede nel Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale.

Si parte dalla definizione di Chiesa cattolica («assemblea dei convocati da Cristo, da tutte le nazioni, per fare l’esperienza della sua salvezza»), per sottolineare il suo compito («continuare sulla terra, fra gli uomini, la missione di Gesù»), promuovendo, sul piano teologico e concreto della dottrina sociale della Chiesa, la conversione del cuore, la carità e la gratuità.

Facendo riferimento poi ad alcune riflessioni di papa Francesco, Turkson dice che «il corrotto è come una merce che si può comprare e vendere», procurando male agli innocenti, specialmente ai più indifesi, i poveri, sottraendo loro dignità, ma anche strappandola a se stesso. Per contrastare la corruzione dobbiamo muoverci tutti: Chiesa, intellettuali, insegnanti, politici, professionisti, famiglie, associazioni, imprenditori, artisti. La Chiesa in particolare deve promuovere la giustizia, consapevoli che diseguaglianze, degrado, guerra, violenza, sfruttamento, oppressione, derivano dalla corruzione. La corruzione politica altera la democrazia, distorcendo il ruolo delle istituzioni.

Anche in Vaticano c’è corruzione: già il card. Ratzinger nel 2005, un mese prima di essere eletto papa, guidando la via Crucis, parlò di sporcizia nella Chiesa e oggi Francesco parla di corruzione in Vaticano. Tra l’altro, per ovviare a questo, ha creato il nuovo Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale, per promuovere l’essere umano e il suo sviluppo integrale, togliendo tutti gli idoli che lo soffocano, tra cui il denaro. Anche la strutturazione della Chiesa ha necessità di migliorarsi, tenendo presente che la diplomazia vaticana guarda le realtà territoriali della Chiesa in tutto il mondo, con cui può dialogare. Ha quindi un ruolo fondamentale e deve essere all’altezza del suo compito.

Si passa poi al rapporto tra corruzione e criminalità organizzata, che negano alla radice il diritto di libertà e di giustizia delle persone, esaltando l’egoismo, l’interesse privato. Tra l’altro, mafia e corruzione sono una cosa sola. Il Papa a Sibari, rivolgendosi ai tantissimi calabresi presenti, ha nominato la ‘ndrangheta, con un invito forte a reagire, rinunciando agli idoli e alle seduzioni del male. La Chiesa deve non solo fornire assistenza spirituale, fisica ed economica di sviluppo, ma soprattutto educare, favorire la nascita di una cultura della giustizia attraverso i mezzi di comunicazione, lo studio e le buone pratiche, come fanno tante suore che portano via dalle strade tante vittime di tratta.

«Dobbiamo-dice Francesco – costituire una nuova agorà dove ogni persona possa confrontarsi, secondo le proprie competenze, con lo scopo del bene comune, per abbattere le ipoteche sul futuro imposte dalla corruzione». Viene citato, tra gli esempi del passato, il beato don Giuseppe Puglisi, ucciso nel 1993, per l’opera che svolgeva per liberare le persone dalla corruzione mafiosa.

Il libro si chiude con un’esortazione forte: «Dobbiamo esercitarci alla bellezza di una cultura della giustizia e della pace».

Il libro è molto interessante perché esamina i diversi ambiti in cui si esplica il fenomeno della corruzione, indica i modi con cui contrastarla, richiamando i messaggi di papa Francesco.

Peter K.A. Turkson con Vittorio V. Alberti - CORROSIONE Combattere la corruzione nella Chiesa e nella società Rizzoli – euro 18.00

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Novembre 1992 l'Assemblea Federale della Cecoslovacchia vota per dividere la nazione in Repubblica Ceca e Slovacchia a partire dal 1 Gennaio 1993

Social

newTwitter newYouTube newFB