Lecco, 18 dicembre 2020   |  

Confartigianato Imprese Lecco: il bilancio di fine anno

A fine anno Confartigianato Imprese Lecco tira le somme del lavoro portato avanti nei 12 mesi precedenti grazie a una squadra di 90 professionisti che ogni giorno si interfacciano con le esigenze di circa 5.000 imprese associate e con i loro rappresentanti di categoria.

RIVA

“Il 2020 ha lasciato e sta lasciando in tutti noi la sensazione di una vera e propria tempesta. Confartigianato Imprese Lecco chiude tuttavia quest’anno con l’orgoglio, di aver cambiato pelle per il bene delle nostre imprese, di aver alzato le barricate, di aver giocato un ruolo chiave sul destino di tante nostre aziende”. Sono queste le parole del presidente Daniele Riva al termine di un 2020 in salita per il Paese, per il territorio di Lecco e per gli artigiani. Stante l’emergenza sanitaria legata al Covid, il presidente Riva ricorda “i numeri della scorsa primavera: abbiamo ricevuto oltre 17mila telefonate in tre mesi. Mano a mano che venivano annunciati e pubblicati i Dpcm, nuove domande emergevano: noi eravamo qui, pronti a dare risposte chiare e con serietà. Ci siamo stati, abbiamo retto la burrasca, abbiamo mantenuto (e in alcuni casi riportato) a galla le nostre aziende. Non c’è orgoglio più grande di questo”. Un accenno critico è invece riservato alle risposte delle istituzioni in termini di burocrazia e ristori: “Il governo, in questi ultimi mesi non è stato tempestivo. Lo sanno i tanti collaboratori delle aziende artigiane, che hanno visto le loro pratiche di sostegno al reddito bloccate per mesi. Lo sanno i datori di lavoro che hanno anticipato di tasca loro ai dipendenti i soldi della cassa integrazione. Eppure il tempo è un fattore chiave, in qualunque battaglia e in questa più di ogni altra. La parole d’ordine dev’essere velocità e burocrazia zero. Quindi, in conclusione: non vogliamo sussidi, non è il nostro stile. Vogliamo risorse certe, erogate in tempi rapidi e commisurate al danno subito dalle nostre imprese”. Un accenno ulteriore, però, il presidente Riva lo rivolge alla struttura dell’associazione di via Galilei, radicata sull’intero territorio provinciale: “Ci siamo resi conto che questo 2020 drammatico ha portato in dote anche una grande occasione: evolversi, ricalibrare l’offerta di servizi. E’ quello che abbiamo fatto”.

Vediamo nel dettaglio cosa è successo nel 2020 (per i numeri completi vedi il link a fondo pagina). Come detto, anche quest’anno (anzi, soprattutto quest’anno) Confartigianato Imprese Lecco ha portato avanti il percorso di consolidamento e di rinnovamento dei servizi in modo da far fronte alle crescenti richieste delle imprese, garantendo professionalità e competenza a 360 gradi. Sono 95 i nuovi associati, che si aggiungono alle 26 nuove imprese nate con il supporto dell’Ufficio Avvio d’impresa, mentre sono 44 le imprese accompagnate al conseguimento di diverse certificazioni ISO e attestazioni varie, all’adeguamento alla nuova normativa F-gas -146/2018, e assistite per il mantenimento del sistema qualità.

Sono stati potenziati, come detto, i servizi dedicati all’innovazione e all’export. Attraverso il monitoraggio continuo delle opportunità di accesso a bandi e agevolazioni, vengono promossi e sostenuti dall’Area Competitività diversi progetti rivolti agli imprenditori che intendono innovare sperimentando nuove formule, sia sul piano dei prodotti sia dei processi di gestione. Parliamo di circa 1,3 milioni di euro di contributi richiesti e gestiti per le imprese assistite, di 7 aziende assistite in tema di Manifattura 4.0 e Iperammortamento, e di ben 17 aziende che hanno attivato il servizio Commerciale Italia/Estero. Un grande vanto è anche quello dei 2 contratti di ricerca attivati con Politecnico di Milano nell’ambito del progetto Interreg Pmi Network.

Tra le attività di rilievo sociale prosegue con successo “Job Talent”, la piattaforma web di Confartigianato Lombardia dove far incontrare le esigenze di lavoratori, imprese e mondo della scuola. Nel 2020 abbiamo aperto 51 ricerche di personale su richiesta di 40 aziende. Da menzionare inoltre le performances dello Sportello Energia, che ha visto crescere anche nel 2020 le adesioni al servizio di fornitura di energia elettrica e gas, grazie ai prezzi concorrenziali presenti sul mercato libero, ma soprattutto per la consulenza diretta dei nostri collaboratori. Ad oggi sono oltre 3800 le imprese e le famiglie lecchesi che hanno deciso di affidarsi al nostro Consorzio CENPI.

Sul fronte fiscale, sindacale e relativamente all’attività Caf-Patronato è fondamentale non solo sottolineare il mantenimento degli standard numerici dell’associazione (le 812 imprese serviziate per il fiscale, le 485 per il sindacale), ma la presenza forte sulle esigenze eccezionali: le 1.417 domande erogate per il bonus 600, i 483 accordi FSBA e le 610 istanze per contributi a fondo perduto. Il tutto legato all’emergenza Covid.

“Ci piacerebbe lasciare un minimo di suspence verso gli obiettivi dell’anno alle porte. Ma la verità è che gran parte dei risultati che andremo a raccogliere nel 2021 sono il frutto di un lavoro già alle spalle – sono le parole del segretario generale Vittorio Tonini, nell’atto di guardare al 2021 – Un lavoro nel quale abbiamo creduto fortemente e che gli uffici hanno saputo interpretare al meglio. Penso allo sportello Welfare Point, che sarebbe dovuto partire in primavera e che è stato ovviamente bloccato dal primo lockdown. Grazie all’aiuto dei nostri partner, ne abbiamo rimodulato il senso, e da qualche giorno la consulenza da parte degli operatori di Confartigianato (che creeranno il contatto con il fornitore di servizio più adatto a rispondere all’esigenza manifestata: Impresa Sociale il Girasole e FamKare) è fruibile via telefono e via mail. Sul piano dell’internazionalizzazione, il lavoro in campo è quello di dare linfa e peso all’Ufficio Estero, che agisce in sinergia con Api Lecco. Una sinergia che nel 2021 sarà ulteriormente consolidata attraverso un contratto di rete”.

“E’ evidente che non c’è solo un futuro prossimo, ma anche un’orizzonte più ampio. In questo senso, prenderà corpo lo sviluppo del servizio Ambiente, nell’ottica di considerarlo come uno dei temi centrali per i prossimi anni. Infine, la formazione. Lo abbiamo compreso a fondo durante il lockdown: la digitalizzazione non è il migliore dei mondi possibili, ma è una straordinaria alternativa (noi stessi, con l’esperimento riuscito della Mostra dell’Artigianato ne sappiamo qualcosa). La crescita delle attività rivolte alle imprese, consentirà all’associazione di accompagnarle nell’era del digitale e tra le pieghe di uno strumento ormai decisivo in epoca Covid. Potevamo fermarci qui, ma c’è un ultimo annuncio. Lo consideriamo un regalo che lasciamo sotto l’albero degli associati, e una promessa rivolta a tutte le imprese del territorio in vista del periodo della campagna tesseramento 2021 ormai alle porte. Il 2019 aveva portato in dote lo strumento del nuovo sito web, denso di contenuti e possibilità di fruizione diretta. Ora la scelta è quella di consentire agli associati Confartigianato Imprese Lecco l’accesso ad un’area riservata, nutrita di tutte quelle informazioni, quella cura al dettaglio, quelle spiegazioni tecniche che, ci permettiamo di dire, hanno fatto e fanno la differenza per il buon lavoro di tante nostre aziende. Il sito web, insomma, proseguirà la sua vita “pubblica”, le sue comunicazioni dirette al territorio. In parallelo, l’area riservata agli associati metterà a disposizione materiali e contenuti, frutto dell’incessante percorso di studio e di aggiornamento dei singoli uffici. Lo abbiamo compreso a fondo quando le nostre aziende erano immerse nella palude di dubbi del primo lockdown. Quando riaprire? A quali protocolli attenersi? Quali percorsi sindacali intraprendere? A quali elementi di fiscalità prestare energie e attenzione? Abbiamo compreso che, pur in un mondo iperconnesso e sovraccaricato di informazioni, i nostri associati richiedevano le nostre informazioni, la nostra parola, la nostra autorevolezza. Questo è il senso di un’area web che sarà a loro (e solo a loro) completa disposizione dai primi giorni del 2021″.

download pdf Prospetto

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

 24 Gennaio 1997 viene istituita in Italia la Commissione Parlamentare per le Riforme Costituzionali (Bicamerale)

Social

newTwitter newYouTube newFB