Lecco, 04 settembre 2017   |  

Comunicazione dei dati delle fatture prorogata al 28 settembre 2017

di a cura dello studio Qualitas Commercialisti Associati

Il Ministero dell’Economia e delle finanze ha reso noto che il termine per effettuare la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute

agenzia entrate fg 3 1 2622369649 3 1 2761372712 3 1 3007288817 3 2 45669732 3 2 436170508 3 2 574880446 3 2 2629803017

La proroga vale solo per l’anno in corso e rimane invariata la scadenza del 18 settembre per i dati delle liquidazioni.

Con il comunicato stampa del 1° settembre 2017, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha reso noto che il termine per effettuare la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute, relative al primo semestre 2017, viene posticipato al 28 settembre 2017, in luogo del termine ordinario del 16 settembre.

È alla firma uno specifico decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di prossima pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Il termine è stato posticipato per venire incontro alle esigenze dei professionisti. Tuttavia, secondo il Presidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili Massimo Miani, che ha commentato ieri il nuovo termine, la proroga non sarebbe adeguata, viste le difficoltà operative riscontrate. La data auspicata dal CNDCEC era almeno sabato 30 settembre, il che avrebbe comportato uno slittamento del termine di fatto al 2 ottobre.

“Pur apprezzando il fatto che questa volta l’annuncio del rinvio sia arrivato con un certo anticipo e non a ridosso della scadenza come spesso accaduto ultimamente – afferma Miani – resta il fatto che la proroga di soli dieci giorni al 28 settembre è del tutto insufficiente, dal momento che i tempi a disposizione per i nostri colleghi restano troppo stretti, anche in considerazione del fatto che gli applicativi stanno arrivando nei nostri studi solo in questi giorni”.

Il nuovo termine per effettuare la comunicazione dovrebbe riguardare anche i soggetti che hanno aderito al regime opzionale di trasmissione dei dati ex art. 1 comma 3 del DLgs. 127/2015, in virtù dell’equiparazione dei due adempimenti già stabilita con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 58793 del 27 marzo 2017 (e confermata dal relativo comunicato stampa).

La proroga del termine non incide sulla comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA riferite al secondo trimestre 2017, la quale dovrà avvenire comunque entro il termine ordinario del 18 settembre 2017.

A seguire, vi sarà la comunicazione dei dati delle liquidazioni relativi al terzo trimestre, entro il 30 novembre 2017.

La comunicazione dei dati delle fatture, semestrale per il solo anno d’imposta 2017 (cfr. art. 4 comma 4 del DL 193/2016), dunque riprenderà la propria calendarizzazione ordinaria a decorrere dal 2018, con le seguenti scadenze:
- 28 febbraio 2018 (comunicazione relativa al secondo semestre 2017);
- 31 maggio 2018 (primo trimestre 2018);
- 17 settembre 2018, essendo il giorno 16 domenica (secondo trimestre 2018);
- 30 novembre 2018 (terzo trimestre 2018);
- 28 febbraio 2019 (quarto trimestre 2018).

I termini per effettuare la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute, a decorrere dal 2018, peraltro, verranno a coincidere con quelli previsti per la comunicazione dei dati delle liquidazioni, come richiesto dall’art. 21-bis comma 1 primo periodo del DL 78/2010 (si veda la tabella in calce all’articolo).

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 4 e dell’art. 7-ter del DL 193/2016 (che ha novellato l’art. 21 del DL 78/2010), la comunicazione dei dati delle fatture, oltre a sostituire il precedente “spesometro”, elimina adempimenti preesistenti quali la comunicazione “black list” (già abolita dall’anno d’imposta 2016), la comunicazione delle autofatture per acquisti da San Marino e la comunicazione dei contratti stipulati dalle società di leasing, locazione e noleggio.

La nuova comunicazione delle fatture ha carattere analitico

La nuova comunicazione delle fatture emesse e ricevute ha, infatti, carattere analitico (nel previgente “spesometro” era ammesso l’invio dei dati in forma aggregata) e “omnicomprensivo”: sono esonerati, sul piano soggettivo, solo gli agricoltori ex art. 34 comma 6 del DPR 633/72 siti in zone “montane”, i “minimi” e “forfetari”; sul piano oggettivo, possono non essere inviati i soli dati degli acquisti delle ASD e degli altri enti in regime L. 398/91, i dati relativi a fatture elettroniche trasmesse mediante Sistema di Interscambio e quelli che saranno trasmessi al Sistema TS (art. 3 del DM 1° settembre 2016).

Diversamente dallo “spesometro” precedente (da ultimo riferito all’anno d’imposta 2016), la trasmissione dei dati ha ad oggetto le sole fatture (emesse e ricevute) e le bollette doganali, restando esclusi tutti i documenti che non hanno carattere di fattura (quali gli scontrini, le ricevute fiscali, le schede carburante).

La trasmissione dei dati dei corrispettivi, laddove non sia stata emessa fattura, riguarda i soli soggetti che hanno esercitato, entro il 31 marzo 2017, l’opzione per la specifica comunicazione di cui all’art. 2 comma 1 del DLgs. 127/2015.

Termine

Adempimento

18 settembre 2017
(in quanto il 16 cade di sabato)

Comunicazione dati liquidazioni II trimestre 2017

28 settembre 2017

Comunicazione dati fatture I semestre 2017

30 novembre 2017

Comunicazione dati liquidazioni III trimestre 2017

28 febbraio 2018

Comunicazione dati fatture II semestre 2017
Comunicazione dati liquidazioni IV trimestre 2017

31 maggio 2018

Comunicazione dati fatture e dati liquidazioni I trimestre 2018

17 settembre 2018
(in quanto il 16 cade di domenica)

Comunicazione dati fatture e dati liquidazioni II trimestre 2018

30 novembre 2018

Comunicazione dati fatture e dati liquidazioni III trimestre 2018

28 febbraio 2019

Comunicazione dati fatture e dati liquidazioni IV trimestre 2018

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Novembre 1992 l'Assemblea Federale della Cecoslovacchia vota per dividere la nazione in Repubblica Ceca e Slovacchia a partire dal 1 Gennaio 1993

Social

newTwitter newYouTube newFB