Lecco, 16 luglio 2018   |  

"Come Don Milani: l'ha amata così tanto che l'ha donata una seconda volta a tanti suoi figli"

"Ci ha insegnato che non è più tempo delle elemosine, ma delle scelte".

37151888 1018979308251973 6587552883632242688 n

Io ho conosciuto tantissimi anni fa la signora Calvetti.

Dentro quella casa, vicino lo stadio, che aveva tante voci e nessuna porta chiusa.

Facevo, vent’anni fa, il volontario al Commercio equo e solidale, avevamo bisogno di consigli, di relazioni.

E lì, in quella Casa Arcobaleno, ho imparato già allora che la signora Calvetti un po’ come don Lorenzo Milani era solidale fino a far brillare tutto il dono della vita e il suo equo era un equo tutt’altro che semplicemente matematico.

Era tracimante di sostegno verso gli altri, i suoi figli, chiunque aveva bisogno: che fosse una parola, un suggerimento, sempre un aiuto concreto.

E per questo era iniqua perché, appunto, come ricordava don Milani “Non c’è nulla che sia ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali”.

E lei faceva tutto per gli altri.

E’ stata maestra e quindi profeta, capace di scrutare (e alimentare) i “segni dei tempi”, indovinare (e far fiorire) negli occhi dei ragazzi le cose belle che essi vedranno chiare domani e che noi vediamo solo in confuso.

Ed è stato così.

Ci ha insegnato che non è più tempo delle elemosine, ma delle scelte.

In questi ultimi anni, non c'è stata occasione di reincontrarci.

Ma è stato così. Tutta questa bellezza, questa vita, questo futuro che è presente. Questo essere profeta è un insegnamento che continuavo a vederlo nei suoi figli.

lo sono diventato amico di uno di loro, Prashanth, che ha tutta la bontà d'animo, la gentilezza e il cuore della mamma.

Che oggi con stima e orgoglio, dopo il tempo del dolore più acuto, sono certo che possa amare la vita, che ha come penultimo passo la morte terrena, e essere sempre solare, essere sempre gli occhi e lo sguardo imparato dentro quella casa con tante voci e nessuna porta chiusa

Lui, insieme a tutti noi, ha un dovere in più, amare ancor più la vita e farsene carico perché è proprio quello che ha amato e fatto amare la sua mamma. L'ha amata così tanto che l'ha donata una seconda volta a tanti suoi figli.

Io credo davvero che proprio con la signora Calvetti si possano mutuare ancora le ultime parole di don Milani:

"Ho voluto più bene a voi che a Dio, ma ho speranza che lui non stia attento a queste sottigliezze e abbia scritto tutto al suo conto. Un abbraccio, vostro Lorenzo".

Un abbraccio Prashanth, un abbraccio signora Maria

Lettera Firmata

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Ottobre 202 a.C. battaglia di Zama. Scipione l'Africano sconfigge Annibale, assicurando la vittoria alla Repubblica romana

Social

newTwitter newYouTube newFB