Lecco, 21 ottobre 2017   |  

Come ci si accostava alla Prima Comunione 70 anni fa

di Mario Stojanovic

A rimanere sempre uguale è il mistero dell'incontro di Gesù con l'anima semplice di un bambino.

WhatsApp Imagsse 2017 10 20 at 12.32.32

In questi giorni anche nelle parrocchie lecchesi e della Val San Martino sono iniziati i catechismi per i giovanissimi che nella primavera del 2018 riceveranno il sacramento dell'Eucaristia.

Sul notiziario della parrocchia di Sala di Calolziocorte è stato recentemente pubblicato un articolo con foto d epoca di 70 anni fa, del 15 maggio 1947, giorno della prima comunione.

Questa foto è spunto di rilfessione per ricordare come ci si preparava in quegli anni al sacramento della Prima Comunione.

All'epoca avveniva in prima elementare. I bambini venivano preparati al sacramento dalle suore che facevano studiare a memoria nozioni di catechismo e norme relative alla Confessione che si faceva il giorno precedente la prima Comunione. Questa si svolgeva durante la messa solenne domenicale e bisognava stare digiuni dalla mezzanotte.

Le bambine indossavano degli abiti lunghi bianchi che di solito si scambiavano tra sorelle, cugine e conoscenti, poiché farsene confezionare uno era una spesa che pochi potevano permettersi. Inoltre portavano anche un velo bianco fissato a una coroncina di fiori. I maschi cercavano d indossare il vestito più elegante che potessero avere e al braccio avevano una fascetta di raso bianca, riservata a quell'unica occasione.

All'inizio della celebrazione facevano il loro ingresso in chiesa accompagnati dai padrini e dalle madrine, che allora era d'obbligo. Ci si preparava a ricevere Gesù con la preghiera e si riceveva la comunione con tutti i compagni alla balaustra dell'altare, emozionati quando il sacerdote si fermava davanti a loro, alzando un poco l'ostia e pronunziando la formula in uso allora "Corpus domini nostri jesu. Christi custodiat animam tuam in vitam aeternam".

In quel momento si era in ansia pensando a tutte le raccomandazioni che avevano ricevuto nei giorni precedenti in famiglia: non fate cadere l'ostia, non toccatela con i denti, scioglietela in bocca ecc.

Terminata la messa i neo comunicandi si fermavano in chiesa per il ringraziamento, poi accompagnati dai padrini e dalle madrine, i bambini e le bambine si recavano al piccolo rinfresco preparato dalle suore.

Dopo questi ricordi non possiamo fare a meno di pensare a quanti cambiamenti sono avvenuti da allora, una cosa comunque è rimasta e rimarrà sempre uguale: il mistero dell'incontro di Gesù con l'anima semplice di un bambino.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB