Lecco, 01 febbraio 2019   |  

"Chiesa dalle genti, responsabilità e prospettive”

La Diocesi di Milano sempre piu’ consapevole della presenza di una molteplicita’ di esperienze ecclesiali provenienti da tante parti del mondo.

milagros 2018

 Oggi, 1 febbraio, alle 17.30 in Duomo, durante la celebrazione eucaristica vigiliare della festività della Presentazione del Signore al Tempio, l’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini ha promulgato con un decreto il Sinodo minore “Chiesa dalle genti, responsabilità e prospettive”, corredandolo di una lettera introduttiva: “Ti mostrerò la promessa sposa, la sposa dell’agnello”, al fine di richiamare la prospettiva a partire dalla quale rileggere il cammino fatto.

Il testo del Decreto e la lettera che ne spiega le ragioni teologiche sono accompagnati da altri due documenti: “Le ragioni di un sinodo” che riprende il Documento finale approvato dall’Assemblea sinodale il 3 novembre 2018 e gli “Orientamenti e norme” per l’attuazione del Decreto stesso.

Con questo atto si conclude il percorso ecclesiale, aperto dall’Arcivescovo di Milano il 27 novembre 2017. Le nuove costituzioni entreranno in vigore il 1 aprile 2019, sostituendo quanto già stabilito dal capitolo XIV del Sinodo diocesano 47°, “Pastorale degli esteri”.

Una Chiesa dalle genti, una Chiesa maggiormente consapevole della propria cattolicità grazie al processo sinodale attivato, può ora tradurre questa consapevolezza in scelte pastorali condivise e capillari sul territorio diocesano. E con la propria vita quotidiana trasmettere serenità e capacità di futuro anche al resto del corpo sociale. Grazie al Sinodo infatti la diocesi ha maturato strumenti per leggere e abitare con maggiore spessore e profondità l’attuale momento di forte trasformazione sociale e culturale. Milano, Chiesa dalle genti: una Chiesa in Sinodo che ha inteso vivere questo cammino proprio per restare fedele alla sua identità ambrosiana. Come ai tempi di Sant’Ambrogio, in continuità con il suo spirito.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Luglio 1992 a Palermo, a pochi mesi dalla strage di Capaci, viene ucciso dalla mafia il procuratore della Repubblica Paolo Borsellino

Social

newTwitter newYouTube newFB