Lecco, 05 febbraio 2019   |  

Cassa integrazione alla Fiocchi Munizioni di Lecco

Sindacato e direzione hanno firmato un accordo che prevede 11 settimane di cassa integrazione ordinaria.

fiocchi munizioni

La Fiocchi Munizioni ha subito un calo di produzione. Per questo motivo, sindacato e direzione hanno firmato un accordo che prevede 11 settimane di cassa integrazione ordinaria.

«La situazione – hanno spiegato i dirigenti – è dovuta alla flessione che si è registrata durante il 2018 nel mercato civile americano. Il consumo è calato e i magazzini saturi. Non è mai piacevole fare cassa integrazione, genera sempre malumori, ma già da maggio prevediamo una ripresa e quindi, in seguito, non dovrebbe essere necessaria».

Lo stabilimento di Belledo ha 616 dipendenti. Fino al 20 aprile, alcune linee saranno fermate il venerdì, altre anche il giovedì, mentre per un piccolo gruppo di lavoratori è prevista una settimana a zero ore.

«Le condizioni del mercato impongono alla Fiocchi di abbassare i livelli produttivi, questo avverrà in modo disomogeneo per la particolarità dell’azienda e delle sue produzioni. Alcune linee continueranno in piena attività, altre invece dovranno fermarsi – spiega Emilio Castelli, Fim Cisl Mbl -. Come abbiamo detto ai lavoratori nelle assemblee, sarà fondamentale la gestione della cassa integrazione, quindi creare una rotazione più ampia possibile per suddividere il peso sui lavoratori».

A rischio invece i lavoratori a termine o somministrati. «Sono 34 lavoratori i cui contratti scadranno entro luglio e su cui pesano serie problematiche rispetto alla loro riconferma – conclude Castelli – speriamo che le condizioni del mercato possano cambiare».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Febbraio 1830  Antonio Rosmini, sacerdote e filosofo, fonda l'Istituto della Carità al Sacro Monte di Domodossola.

Social

newTwitter newYouTube newFB