Lecco, 17 agosto 2017   |  

“Casere aperte” fa tappa a Morterone e in Val Biandino

Sabato 19 la festa dell'Alpe Costa del Palio, domenica 20 agosto la conferenza “Storie di miniere, bergamini e stracchini” e la visita in alpeggio.

visita casera artavaggio

Dopo l'ottimo successo di partecipazione dello scorso fine settimana proseguono gli apprezzatissimi appuntamenti di “Casere aperte”, la manifestazione inserita nel Festival dei formaggi d'autore e nel progetto “Valsassina: la Valle dei formaggi” che propone visite guidate agli alpeggi lungo alcuni degli itinerari della tradizione casearia valsassinese.

Sono state infatti molto partecipate e gradite le visite guidate agli alpeggi di Monti di Pasturo, dei Piani di Bobbio e di Artavaggio, visite che hanno permesso di prendere contatto con la straordinaria realtà degli alpeggi dove la produzione di formaggi tipici del territorio avviene ancora con metodi, tecnologie e principi dell'antica tradizione. «I nostri alpeggi – spiega Giacomo Camozzini, ideatore del progetto – sono una straordinaria realtà ancora viva e reale dove vengono prodotti formaggi inimitabili per qualità e gusto, anche perché il bestiame si alimenta esclusivamente con il foraggio dei pascoli. Gli alpeggi rappresentano ancora uno stile di vita molto impegnativo e di sacrificio nonostante i molti interventi di miglioramento portati dagli enti pubblici».

bobbio visita caseraI PROSSIMI APPUNTAMENTI - “Casere aperte” in questo fine settimana propone ancora due appuntamenti:
- Sabato 19 agosto, a partire dalle ore 9 e per tutta la giornata, la festa dell'Alpe Costa del Palio a Morterone.
Durante l'evento è prevista anche la settima edizione della spettacolare gare dei cani da lavoro con bovini per malghesi e pastori.
- Domenica 20 agosto dalle 10 alle 18 appuntamento al rifugio Bocca di Biandino (Introbio).
Di grande interesse il programma di giornata: la conferenza “storie di miniere, bergamini e stracchini” con relatori Michele Corti, Claudio Besana, Marco Sampietro e Pierfranco Invernizzi con la moderazione di Giacomo Camozzini.
Previsto anche aperitivo con stracchino quadro, degustazione gratuita di formaggi e la visita guidata in alpeggio con mungitura e lavorazione del latte.

Per informazioni e adesioni: Associazione Evo
info@evoturism.com
331.8185327

Tra le tante iniziative organizzate la scorsa settimana, particolarmente apprezzata e partecipata è stata la conferenza “Lo sviluppo dell'industria casearia tra Lecco e la Valsassina (fine 800 - inizio 900)” che si è tenuta presso Villa Carnevali a Maggio di Cremeno con relatori Michele Corti e Claudio Besana. «È stata una serata molto partecipata con una sala completamente piena. – spiega Camozzini - I due relatori, esperti ricercatori del settore, hanno proposto un interessante excursus sull'arte casearia evidenziando come tra la fine dell'800 e l'inizio del 900 la Valsassina sia stato un punto nevralgico al centro del sistema caseario orobico, grazie alla presenza delle grotte di stagionatura e alle vie di comunicazione collegate a Lecco che permettevano un più agevole trasporto verso la pianura e le vie commerciali».

monti di pasturoLA MOSTRA - Infine fino al 31 agosto è ancora possibile visitare la mostra “Strumenti, luoghi, immagini e gesta valligiane”, allestita presso la sala civica della Comunità Montana a Barzio. L'esposizione, curata da Paolo Vallara, racconta la grande tradizione lattierocasearia della Valsassina. In mostra immagini d'epoca, strumenti di lavoro e materiale promozionale con cui ripercorrere l'epopea delle aziende del territorio. Dagli incarti dei formaggi, alle insegne, passando per le campagne pubblicitarie è così possibile ripercorrere lo sviluppo della filiera casearia del territorio.
La mostra è aperta ogni giorno fino a giovedì 31 agosto dalle ore 15 alle 19.

Visitando la mostra sarà possibile, attraverso appositi QR-code, accedere con il proprio cellulare a materiali aggiuntivi che arricchiscono l'esposizione: si tratta di poster aziendali, incarti di particolare pregio, marchi di impresa, immagini delle grotte di stagionatura e attrezzature d'epoca. Materiale che tra alcuni giorni sarà resa disponibile sul sito www.valsassinalavalledeiformaggi.it, nell'apposita sezione Fuori Mostra.

Salva

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newTwitter newYouTube newFB