Lecco, 01 agosto 2019   |  

Calano le previsioni occupazionali per le imprese lecchesi

A cercare nuovo personale sarà il 20,5% delle aziende del territorio.

manifatturiero indcie pmi 1

Nel 3° trimestre 2019 le imprese delle province di Como e Lecco prevedono di effettuare complessivamente 15.630 nuovi ingressi, di cui 10.130 in provincia di Como e 5.500 in provincia di Lecco.

Si registra dunque un calo, rispetto alle previsioni del secondo trimestre, del 16,8% pari a -3.150 unità. In particolare a Como la diminuzione è  di 1.430 persone e a Lecco di 1.720, cioè rispettivamente -12,4% e -23,8%.

A cercare nuovo personale sarà il 20,6% delle aziende comasche con almeno un dipendente e il 20,5% di quelle lecchesi1 (contro il 24,1% e il 22,2% del 2° trimestre).

Nella nostra regione i nuovi posti di lavoro saranno quasi 231.000 (-5,8% rispetto al periodo aprile-giugno), e a livello nazionale sfioreranno quota 1.113.000 (-16,5%). Questi dati emergono dall’indagine Excelsior sulle previsioni di assunzione, svolta mensilmente dalle Camere di Commercio (per le imprese oltre 50 addetti) e da Infocamere tramite l’invio di questionari online e interviste telefoniche. L’indagine è coordinata a livello nazionale da Unioncamere, in accordo con l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Schermata 2019 08 01 alle 09.38.52

Nel 3° trimestre 2019, il 36,1% delle entrate si concentrerà nel comparto industriale: si tratta di 5.650 nuovi contratti (-18,8% rispetto al periodo aprile-giugno), di cui 890 riguarderanno il settore delle costruzioni (-18,3%)1. Rispetto al 2° trimestre cresce la quota di nuovi ingressi nel terziario (dal 62,9% al 63,9%). In particolare, le nuove assunzioni previste saranno 1.710 nel commercio (con un calo del 21,2% rispetto al periodo aprile-giugno), 2.370 nel turismo (-42,6%) e 5.900 negli altri servizi (+6,9%).

Nel mese di luglio 2019, sulle 5.190 assunzioni programmate dalle imprese lariane la quota con contratto a tempo indeterminato sale al 28,1% (ad aprile era del 27,9%). Lecco, con il 34%, sale dal 5° posto di aprile al 2a piazza tra i territori lombardi (dietro solo a Varese, con il 36%).

Schermata 2019 08 01 alle 09.52.34

Como, con il 25% (contro il 27,3%), scende dal 6° al 10° posto, precedendo solo Mantova e Sondrio. La quota delle nuove assunzioni a tempo indeterminato previste a luglio dalle imprese lariane resta inferiore alla media lombarda (che rimane stabile rispetto ad aprile, attestandosi al 30%), ma rimane più alta di quella nazionale (che diminuisce dal 26,9% al 22,3%). Rispetto ad aprile, scende di quasi due punti percentuali la quota dei contratti di apprendistato (dal 10,4% all’8,5%), facendo comunque registrare un valore superiore alla media lombarda, ma inferiore a quella italiana (rispettivamente 8% e 9,5%). Calano i contratti a tempo determinato (dal 59,8% di tre mesi fa al 57,6%, dato superiore alla media regionale, 57%, ma inferiore a quella nazionale, 64%). La quota di assunzioni con altre forme contrattuali sale dal 2% di aprile al 5,6% di luglio, tornando superiore a quella lombarda e italiana.

A Como, la maggioranza dei nuovi ingressi a tempo indeterminato previsti si concentra nelle costruzioni e nel manifatturiero (rispettivamente 84% e 62%); viceversa, il terziario vede una netta prevalenza di contratti a tempo determinato (servizi alle persone 84%; servizi alle imprese 71%; turismo 68%; commercio 67%). Per Lecco, prevalgono gli ingressi a tempo indeterminato nel manifatturiero (66%); il tempo determinato è maggiormente utilizzato nei servizi alle persone (75%), nel turismo (66%) e nel commercio (57%); nei servizi alle imprese entrambe le quote superano il 40% (tempo indeterminato 46%, tempo determinato 41%). Nelle costruzioni si nota un alto ricorso ad altre tipologie di contratti: 72%.

Schermata 2019 08 01 alle 09.52.39

Raffrontando i dati con quelli di aprile, in luglio cresce la quota di ingressi riservati a figure “high skill” (dirigenti, specialisti e tecnici: dal 14,1% al 17,3%); il valore resta inferiore alla media regionale (22,6%), ma torna superiore a quella nazionale (16,8%). In particolare, Como mantiene la 5a posizione nella graduatoria regionale, preceduta ora da Milano, Monza Brianza, Varese e Lecco (che recupera due posti, passando dalla 6 a piazza alla 4a).

Rispetto al mese di aprile, a luglio torna a salire la quota di entrate destinate a personale laureato (dall’8,4%, all’11,4%); ciononostante la percentuale del territorio lariano continua ad essere inferiore alla media regionale (16,1%), ma torna leggermente superiore a quella nazionale (11,2%). Como (la cui quota sale dall’8,7% all’11,3%) perde una posizione nella graduatoria lombarda rispetto ad aprile, posizionandosi al 6° posto, dopo Milano, Monza Brianza, Varese, Pavia e Lecco (rispettivamente 22,4%, 15%, 12,8%, 12,6% e 11,4%); Lecco recupera 4 posizioni, piazzandosi al 5° posto.

Schermata 2019 08 01 alle 09.43.01

Viceversa, cala la quota degli ingressi di diplomati (dal 69,5% di aprile al 61,7%, di cui il 31,8% con diploma di scuola media superiore e il 29,9% di Istituto professionale), mentre sale quella di risorse umane che hanno semplicemente assolto all’obbligo scolastico (dal 22,1% al 26,8%). Per queste ultime, Como (con il 29,5%) evidenza il valore più basso in Lombardia dopo Sondrio, piazzandosi, pertanto, in decima posizione (ad aprile occupava la 4a piazza)2. Lecco (21,3%) passa dall’8° al 3° posto, a pari merito con Monza, dietro a Milano e Varese (rispettivamente 19,9%, e 21,2%).

Tra i profili maggiormente richiesti sia dalle imprese comasche che da quelle lecchesi spiccano soprattutto figure a media e bassa specializzazione:
per Como, “cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici” (550 persone) “professioni specifiche degli altri servizi alle persone” (370 nuovi ingressi), “conduttori di mezzi di trasporto” (180 assunzioni previste);
per Lecco, “operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche”, “cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici” (310 nuove assunzioni ciascuno) e “commessi e altro personale qualificato in negozi ed esercizi all’ingrosso” (90 nuovi ingressi).

Aumenta la quota di ingressi riservati a giovani con meno di 29 anni (dal 35,1% di aprile al 35,5% di luglio); il valore lariano è superiore sia alla media regionale che a quella nazionale (rispettivamente 32,9% e 31,5%). A livello lombardo, Lecco (37,3%) e Como (34,6%) si posizionano rispettivamente al 2° e al 3° posto (erano 3a e 1a ad aprile); al primo posto c’è Bergamo (37,4%) e al quarto c’è Sondrio (33,6%). A Como la quota di “under 29” per alcune famiglie professionali è particolarmente consistente: “area produzione di beni ed erogazione del servizio” (33%, pari a 600 figure), “aree commerciali e della vendita” (45%, pari a 310 unità) e “aree tecniche e della progettazione” (31,3%, pari a 120 persone). Anche a Lecco le aree che riservano le maggiori opportunità ai giovani sono analoghe: “area produzione di beni ed erogazione del servizio” (38,3%, pari a 350 figure), “aree commerciali e della vendita” (46,3%, pari a 150 unità) e “aree tecniche e della progettazione” (25,2%, pari a 60 persone).

Altro focus dell’analisi concerne le figure professionali di difficile reperimento. La loro quota resta consistente ed è pure in crescita (dal 29,6% al 33,3% di luglio); il dato è superiore sia alla media regionale (29,2%) che a quella nazionale (26,6%). Da sottolineare come le imprese lecchesi evidenzino maggiori difficoltà rispetto a quelle comasche a trovare il personale di cui necessitano (40,3% contro 29,9%). A Como questo fenomeno è particolarmente sentito per le seguenti famiglie professionali: “area produzione di beni ed erogazione del servizio” (27,9%, pari a 500 figure), “aree tecniche e della progettazione” (44,6%, pari a 170 figure); “aree commerciali e della vendita” (25,2%, pari a 170 unità). Anche Lecco evidenzia le stesse criticità: “aree produzione di beni ed erogazione del servizio” (44,2%, pari a 410 figure), “aree tecniche e della progettazione” (59,5%, pari a 140 figure) e “aree commerciali e della vendita” (26,7%, pari a 90 unità).

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

8 Agosto 1956 in Belgio, nella piccola città mineraria di Marcinelle, scoppia un incendio nella miniera di carbone. Moriranno 262 lavoratori di 12 nazionalità diverse, la maggior parte (136 sono italiani)

Social

newTwitter newYouTube newFB