Lecco, 21 dicembre 2017   |  

Bilancio di fine 2017. Un anno vissuto sobriamente

di Silvano Guidi

Il Consiglio regionale ha presentato consuntivo e ricognizione delle attività legislative svolte. Più lavoro, meno spese, maggiore attenzione ai cittadini. E poi la stagione del referendum sull’Autonomia.

IMG 2501

È un appuntamento canonico, eppure ogni anno, con il brindisi e gli auguri di Natale i bilanci di 365 giorni di lavori e attività permettono di scoprire l’evoluzione e il modificarsi di ogni azione umana. Così è stato pure riguardo al 2017 del Parlamentino lombardo.

Il bilancio per la prima volta è sceso sotto i 60 milioni di euro proseguendo un trend di diminuzione iniziato nel 2013. Il consiglio regionale chiude la legislatura nel segno della sobrietà e del continuo contenimento dei costi della politica.

Tra le norme approvate si segnala la destinazione di 500.000 €, anche questi frutto del risparmio sulle attività lavorative del consiglio, a favore di soggetti ed enti che si occupano delle distribuzioni gratuite di pasti e altri generi di prima necessità a persone in difficoltà economica ed esistenziale.

IMG 2500«Il parlamento lombardo» ha detto il presidente Raffaele Cattaneo «ha scelto per il suo avanzo di amministrazione una finalità precisa, tenendo presente del particolare momento di problemi e disagi presenti nella società e dimostrando un’attenzione che era già cominciata con l’approvazione della legge sul diritto al cibo».

Nel 2017 il consiglio regionale si è riunito 35 volte approvando 49 leggi: un’attività che è stata preceduta da ben 282 sedute di commissioni. L’ultimo miglio di questo consiglio ha aumentato il numero delle sedute del 9,3% rispetto all’ultima legislatura comparabile, il numero di provvedimenti adottati sono aumentati dell’88,7% e il numero delle leggi approvate del +21,2%.

«Il faro della nostra attività» ha proseguito il presidente Cattaneo nella sua illustrazione «è stato rappresentato da cittadini e corpi intermedi che abbiamo voluto costantemente consultare con audizioni in commissione e in altre sedute di ascolto.

Il palazzo Pirelli è diventato davvero quello che era nell’auspicio di tutti noi, cioè la casa dei lombardi. Quest’anno sono state registrate 250 mila visite di studenti e cittadini per incontri, mostre ed eventi. Nella sola domenica della creatività lo scorso 19 novembre hanno fatto il loro ingresso al Pirellone quasi 16.000 cittadini; 7000 invece sono intervenute alla festa dei nonni il 2 ottobre e altre 4000 sono state le presenze per la domenica dal titolo “Selfie tra le nuvole” a fine luglio».

Intenso è stato pure il rapporto con le scuole: 6500 studenti di 152 istituti hanno fatto lezione a palazzo Pirelli per conoscere meglio ruolo e funzioni del parlamento lombardo; 800 sono stati i giovani che hanno aderito all’iniziativa “consiglieri per un giorno” e 12 le orchestre giovanili che hanno avuto a disposizione il prestigioso auditorium Gaber per “Ragazzi che concerto”; inoltre sempre dai risparmi delle attività lavorative dei consiglieri sono stati ricavati fondi per 35 borse di studio destinate a tirocini e attività di ricerca.

Altre iniziative di cui il consiglio va fiero sono le attività di contrasto al bullismo e al cyberbullismo p. Il Garante regionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ha coordinato il reclutamento dei tutori per i minori stranieri non accompagnati, mentre il difensore regionale per la tutela dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ha svolto una funzione calmieratrice di contenziosi fra cittadini e pubblica amministrazione abbassando significativamente il numero delle cause civili.

Nello scambio di auguri che ha fatto seguito il presidente Cattaneo ha donato a tutti presenti un biglietto personalizzato con un pensiero natalizio.

“Ripensare il Natale! L’idea stessa che Dio si faccia uomo ha un che di sconvolgente. Eppure è accaduto, per davvero, in modo impensato è impensabile: Natale! Non si spenga dunque il lume della nostra vita interiore, che domanda un significato per la vita e per la morte”.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Aprile 1945 l'esercito nazifascista si arrende e lascia l'Italia dopo le insurrezioni partigiane a Genova, Milano e Torino, ponendo fine all'occupazione tedesca in Italia: l'evento viene ricordato ogni anno dalla Festa della Liberazione

Social

newTwitter newYouTube newFB