Olginate, 25 marzo 2019   |  

Basket: Olginate ingrana la quarta, vittoria sul campo di Crema

La striscia positiva di successi sale a quattro. Record per la Npo in serie B.

CS55 OlgiCrema

Foto Morale & PhotoLR

PALL. CREMA - NPO GORDON: 71 – 74 (24-23; 47-45; 62-56)

Olginate in questo girone di ritorno non smette di sorprendere. A Crema compie un capolavoro che le permette di continuare a sognare in qualcosa che al rientro da Reggio Emilia (29/12/18) sembrava impossibile. Una risultato che ha molti significati statistici; per la prima volta la societa’ NPO mette a segno un poker di vittorie consecutive in Serie B, significa raggiungere il 4 posto in classifica nel girone di ritorno e per la seconda settimana consecutiva si e’ fuori dai play out e grazie agli scontri diretti momentanei sale addirittura al 9° posto in classifica a due punti da Bernareggio.

Mancano 4 giornate alla conclusione della Regular Season e adesso l’esito e’ tutto nelle mani dei giocatori di Coach Meneguzzo che dovranno affrontare Cesena e Reggio Emilia al PalaRavasio, Ozzano e Urania in trasferta. Con questo ruolino di marcia la GORDON non deve fare calcoli ma deve continuare a giocare per un solo risultato.

Passiamo alla cronaca di una partita spettacolare e intensa tra due delle formazioni in maggior forma di questo ultimo periodo. Olginate si presenta sempre senza Marra e con Spera e Gorreri infortunatosi proprio negli ultimi allenamenti. Nonostante questo parte a razzo trascinata dal solito Bugatti (2-7 al 3’) che mette 9 punti nel periodo facendosi trovare sempre pronto alle chiamate dei compagni. Crema impega poco a riprendersi e iniziano a spingere su fulminee ripartenze ad ogni errore al tiro della Gordon capitalizzando al meglio ogni viaggio in lunetta realizzando un 10/10 e diventando padroni del pitturato con Rotondo autore di 8 punti nel periodo fissando il sorpasso e massimo vantaggio sul 20-16 per poi chiudere avanti al primo riposo sul 24-23.

La seconda frazione inizia con il canetsro di un ispirato Bartoli che sigla l’ultimo vantaggio NPO. Da questo momento Crema aumenta l’intensita’ difensiva e soprattutto ingrana una velocita’ offensiva che tramortisce la Gordon che subisce un pesante 11-0 per il 35-25 del 15’.
Caversazio cerca di scuotere i conpagni conquistando palla e andando a schiacciare di prepotenza ma i padroni dicasa sono troppo in gas per perdere la bussola. Entra DI Meco che mette ulteriore potenza di trazione e con Norcino mettono a segno due triple che fanno scivolare Olginate sul -16 (43-27).
Fortunatamente De Bettin e Marino’ in 60” segnano un break di 6-0 che rendono meno amaro il quarto che si chiude con il centro di Enihe per il 47-35.
Le statistiche sono tutte a favore di Crema che tira col 76% da 2, 92% ai liberi e domina a rimbalzo.

Nella pausa lunga Coach Meneguzzo, striglia i suoi ragazzi e soprattutto li riporta sul ppiano gara stringendo la difesa perche’ aver subito 47 sono proprio tanti.
Le due formazioni ribattono colpo su colpo ed il punteggio rimane saldamente nelle mani di Crema che al 26’ e’ avanti ancora 55-43. Il primo scossone arriva da De Bettin con la tripla che riporta NPO ad un divario in singola cifra 55-46. Le maglie difensive dei lecchesi si chiudono ulteriormente e quando Caversazio fa 1/2 dalla lunetta il tabellone e’ 55-51 e partita ufficialmente riaperta al 27’. Purtroppo Olginate continua a sbagliare tiri liberi e non concretizza la rimonta per un povero 5/9 nel quarto.
Il minimo svantaggio si concretizza con la tripla di Tagliabue (57-54) del 28’ che viene vanificata con l’immediata tripla di Norcino che sancisce il 62-56 della sirena dell’ultimo riposo.

L’ultima frazione si apre con gioco da tre punti di Rotondo e tecnico a Tagliabue che scivola a terra e gli arbitri lo puniscono con fallo tecnico per simulazione (65-59).
Al 33’ Marino’ sancisce la definitiva riapertura dell’incontro con il centro del 65-62, ma il solito Rotondo non sbaglia dalla lunetta e si torna nuovamente al +5. Caversazio e’ abilissimo a segnare da 3 dopo un extra possesso per il 65-62.
Olginate per tre volte non segna il canestro del pareggio fino a quando Toniato e De Bettin si emulano dall’arco e siamo sul 70-68.
La maledizione per la Gordon continua anche quando De Bettin conquista palla e si invola in contropiede venendo fermato da Norcino con un netto fallo antisportivo. De Bettin fa 0/2 e nell’extra possesso Spera commette passi ed al 38’ Crema continua ad essere avanti.
Caversazio taglia la difesa in due e impatta sul 70-70 per poi recuperare la palla che De Bettin trasforma nel tanto sospirato vantaggio (70-72) a 1,30” dalla sirena. Bugatti cattura l’ennessimo rimbalzo per una doppia doppia prestigiosa (13 punti e 12 rimbalzi con 20 di valutazione) che diventa sempre piu’ indispensabile in questa squadra.
Spera commette il 5 e lascia posto a Tagliabue, Rotondo in lunetta fa 1/2 ma la palla rimane nelle mani di Crema e da questo momento entra in scena un grande Tagliabue che difende perfettamente su Norcino stoppandolo platealmente e sul ribaltamento riceve un assist delizioso da Caversazio e segna il canestro della vittoria.

Crema ha la palla dell’ultimo tiro ma si affida ad Enihe, che di certo non e’ uno specialisto del tiro dall’arco e con una tabellata consegna la palla nelle mani sapienti di capitano Marino’ , che la congela e la Gordon compie l’impresa.
Coach Meneguzzo, nell’intervista si dichiara orgoglioso dei suoi ragazzi e ringrazia il pubblico che ha seguito ed incitato la squadra anche nel momento piu’ difficile del -16.
Sabato al PalaRavasio arrivera’ la TIGERS CESENA, prima della classe e la formazione piu’ accreditata alla scalata dell’A2 . . . una bella occasione . . . sono loro che hanno tutto da perdere.

Tabellini:
PALL. CREMA: Norcino 8, Forti 9, Toniato 14, Enihe 8, Gianninoni ne, Di Meco 9, Benzi ne, Brighi 2, Montanari 3, Bissi ne, Rotondo 18,
All. Luigi Garelli
NPO GORDON: Bet, Bugatti 13, Errera, Tagliabue 11, Masocco ne, Gorrei 1, Marino’ 6, Bartoli 9, Caversazio 10, Carella ne, Spera 4, De Bettin 20,
All. Massimo Meneguzzo

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Luglio 1860 sconfitto nella battaglia di Milazzo, l'esercito delle Due Sicilie lascia la Sicilia.

Social

newTwitter newYouTube newFB