Ballabio, 02 febbraio 2020   |  

Ballabio:La baita nel parco "apre" ai ragazzi

Consonni: uno spazio sicuro anche nelle ore serali, ma serve la collaborazione dei genitori

casetta 7

In occasione di alcune controverse situazioni che vedevano coinvolti ragazzi del paese era stata avanzata la richiesta, da parte dei genitori, di uno spazio sicuro dove anche i giovanissimi possano periodicamente ritrovarsi per socializzare, senza più stazionare sui marciapiedi o nei bar. "La risposta dell'amministrazione comunale non si è fatta attendere: Ballabio offre anche ai ragazzi, che ne faranno richiesta in gruppo tramite un maggiorenne, uno spazio comunale per incontrarsi", commenta il sindaco Consonni.

"Tra le motivazioni per cui abbiamo realizzato l'apprezzatissima baita nel parco Grignetta - spiega il sindaco Alessandra Consonni - c'è anche quella di consentire ai giovani di disporre di un luogo di socializzazione. Recentemente alcuni genitori hanno chiesto uno spazio sicuro dove i ragazzi di Ballabio possano incontrarsi e trascorrere la serata assieme, lontano dalla strada: l'amministrazione comunale mette a disposizione la casetta del parco, con le stesse modalità che ne stanno consentendo l'utilizzo a centinaia di persone per feste di compleanno, riunioni di associazioni, raduni famigliari etc...".

La Baita, una struttura in legno caratterizzata da ampi spazi, è riscaldata con stufa a pellet e dispone di servizi igienici al proprio interno, consente l'utilizzo di tavolate e panche e utilizza il collegamento con wi fi free installato dall'amministrazione comunale nel parco Grignetta.

"E' un luogo idoneo - afferma il sindaco - anche per trascorre qualche ora in compagnia degli amici. Da regolamento occorre che ne faccia richiesta un maggiorenne per un gruppo di almeno dieci persone, il quale, carta d'identità alla mano, si renderà direttamente responsabile del buon utilizzo della struttura, che deve sempre essere riconsegnata al Comune in ordine e senza danni. Se si tratta di minorenni, chiedo ai genitori di fare la loro parte, semplicemente assumendosi la responsabilità dell'utilizzo della Baita da parte dei loro figli e dei loro amici".

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Febbraio 1931 viene varata la Amerigo Vespucci, tuttora in servizio, ed utilizzata per l'addestramento degli allievi dell'Accademia Navale di Livorno.

Social

newTwitter newYouTube newFB