Lecco, 06 febbraio 2020   |  

Baby progettisti e la sfida di un'architettura che non inquina

Attraverso immagini evocative i bambini sono stati portati a riflettere sugli effetti del riscaldamento del pianeta

CroppedImage720439-campus-universitario-Lecco

Gli alunni delle classi quinte coinvolti nel mini corso di laurea POLIS - la città sostenibile sono tornati al campus e questa volta si sono trovati ad affrontare un tema complesso e che attanaglia la nostra società: i cambiamenti climatici e suoi effetti sull’ambiente.

Presenti Gabriele Masera, docente di Sustainable Building Technologies + Studio che ha seguito gli alunni della scuola “De Amicis” e Graziano Salvalai, docente di Energy Efficient Buildings che si è dedicato invece ai bambini della scuola “Diaz”. Le loro presentazioni hanno toccato temi importanti e sempre più attuali quali il riscaldamento globale, l’effetto serra, la produzione di energia rinnovabile e l’efficienza energetica degli edifici. Gli studenti hanno mostrato grande attenzione per gli spunti proposti ed è stata palpabile la loro sensazione di stupore nell’apprendere come questi argomenti “da grandi” siano in realtà strettamente legati al loro modo di vivere e alle abitudini quotidiane di ciascuno di noi.

Attraverso immagini evocative i bambini sono stati portati a riflettere sugli effetti del riscaldamento del pianeta sull’intero ecosistema e su come stia diventando sempre più necessario adottare provvedimenti a favore della sostenibilità ambientale. Utilizzare i raggi del sole per produrre energia pulita e, al tempo stesso, mediante opportune tecniche di costruzione, proteggere le nostre abitazioni dall’irraggiamento solare che, nelle stagioni più calde, ci costringe a sprecare molta, troppa energia in condizionatori e ventilatori.

Focus dell’attività pratica del laboratorio è stato proprio il tema dell’efficienza energetica degli edifici e delle schermature solari. I docenti, nel corso delle loro presentazioni, hanno mostrato esempi di schermature di diverse forme, colori e dimensioni che, oltre ad assolvere il loro importante compito in termini di protezione termica, donano alle costruzioni un piacevole tocco estetico. I bambini, organizzati in gruppo di lavoro, sono stati invitati a progettare e realizzare un sistema di protezione solare. A loro disposizione una scatola di cartone aperta su un lato e con una piccola finestrella sul lato opposto, una lampada e materiale vario da loro stessi procurato (tessuti, reti, cartoncini colorati, bacchette, cartone vegetale etc..). La scatola rappresenta l’edificio, il lato aperto la facciata da schermare, la lampada il sole.

A supportarli nella fase di elaborazione delle idee e nell’utilizzo dei materiali, un gruppo di studenti volontari del Polo di Lecco coordinati da Marco Cucuzza, dottorando di Ricerca sui temi dell’Industria 4.0 per l’edilizia. I giovani progettisti, con impegno e fantasia, hanno prodotto interessanti modelli e a lavoro ultimato, guardando attraverso la piccola finestrella sulla scatola, hanno potuto osservare gli effetti che la schermatura produce quando il sole prova a intrufolarsi all’interno dell’edificio e come questi effetti cambiano in base all’inclinazione del sole. Ogni gruppo ha poi presentato il loro progetto che è stato visionato dagli occhi esperti dei sigg. Perchè. “I bambini hanno mostrato grande interesse per i temi ambientali” - dichiara il prof. Masera - “e sono certo che saranno efficaci ambasciatori della transizione energetica verso le fonti pulite nei prossimi anni. Durante l’attività di laboratorio hanno poi messo moltissimo impegno e una notevole dose di creatività. È stato un vero piacere lavorare con questi piccoli progettisti!”

Graziano Salvalai afferma: “E’ stata una bella esperienza, ho riscontrato un’elevata attenzione per i temi proposti frutto di una consapevolezza del problema ambientale attuale. I bambini hanno partecipato attivamente e sono certo che questo mini corso di laurea serva a scaturire in loro curiosità, interesse e un senso di responsabilità che li porti a mettere in atto azioni virtuose volte alla riduzione del loro impatto sull’ambiente per la nostra città oggi e per la loro città di domani”.

Clicca qui per vedere le foto

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Febbraio 1931 viene varata la Amerigo Vespucci, tuttora in servizio, ed utilizzata per l'addestramento degli allievi dell'Accademia Navale di Livorno.

Social

newTwitter newYouTube newFB