Lcco, 11 maggio 2020   |  

Il 34% delle persone in quarantena positivo al test sierologico

Ats della Brianza: Sono oltre 20mila persone in sorveglianza attiva

BBTTCroppedImage164100 cccCroppedImage345210 abcCroppedImage720439 coronavirus

L’emergenza coronavirus sta mettendo fortemente alla prova il nostro paese. Tra le attività messe in campo, ATS Brianza sta svolgendo un intenso lavoro di sorveglianza sanitaria dei soggetti in isolamento.

Sorveglianza che ATS Brianza sta portando avanti quotidianamente dall’inizio dell’epidemia e che vede ogni giorno crescere il numero di persone da contattare al domicilio per avere informazioni aggiornate sul loro stato di salute (temperatura corporea, rilevazone altri sintomi).

Sono più di 20.000 le persone poste in sorveglianza da inizio epidemia sul nostro territorio, 4200 in sorveglianza ad oggi. Persone contattate quotidianamente grazie all’impegno di più di 140 operatori ATS, con un volume di circa 70 telefonate al giorno ciascuno.

120 operatori sono impegnati direttamente nelle telefonate ai soggetti in sorveglianza, gli altri operatori sono invece impegnati in call center, indagini epidemiologiche, gestione del flusso informatico e in relazioni varie con l'utenza e gli altri punti della rete di offerta (Aziende Ospedaliere, RSA, Comunità Assistenziali…..).

Un impegno che viene condiviso con i medici di medicina generale e i pediatri di famiglia, che svolgono allo stesso modo sorveglianza su alcuni pazienti da essi segnalati.

" Il valore dell’azione di sorveglianza e dell’attenzione che viene posta in essere - spiega l'Ats - è riscontrata dalle parole di tanti cittadini, alcune pervenute al nostro ufficio relazioni con il pubblico. Daniele per esempio ringrazia una nostra operatrice: “volevo ringraziarla di cuore per la sua umanità, professionalità con la quale mi ha assistito telefonicamente durante la sorveglianza attiva sanitaria essendo un paziente COVID. Dal mio punto di vista Lei ha una marcia in piu' come dipendente. Vorrei fare i complimenti inoltre al suo coordinatore per aver creato un "valido gioiello" che aiuta le persone in un periodo cosi grave di malattia”.

Angelo sottolinea: “Buongiorno scusate tanto il disturbo visto il momento, volevo solo ringraziarvi per le chiamate fatte a me, per il modo di parlare telefonicamente in totale gentilezza pazienza e molta chiarezza, veramente gentili. Grazie di tutto, quando si tornerà alla normalità sarà anche merito vostro!”.

Testimonianze che confermano come la sorveglianza effettuata dai nostri operatori sia un riferimento importante supporto in questi momenti difficili, fornendo rassicurazioni e aiuto nell’affrontare l’isolamento.

Di grande importanza sono le indicazioni che vengono fornite per il contenimento della diffusione dei virus, testimoniata anche dal ridotto numero di persone che stanno risultando positive al test sierologico tra i soggetti in isolamento (34%), inferiori alla media regionale".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Agosto 1966  John Lennon tiene una conferenza stampa a Chicago, scusandosi per aver detto che i Beatles erano più famosi di Gesù

Social

newTwitter newYouTube newFB