Lecco, 17 dicembre 2019   |  

Arrampicata: successi e podi per la squadra dei ragni

Al termine della seconda gara di qualificazione regionale per i campionati italiani giovanili, specialità Boulder, Giulia Passini si è laureata Campionessa Regionale U16.

Anna 49226498451 44ba885236 o

Un trionfo, tre secondi posti, tanti ottimi pazzamenti. Un inizio folgorante della nuova stagione giovanile 2019-2020 della squadra di arrampicata dei Ragni.

Al termine della seconda gara di qualificazione regionale per i campionati italiani giovanili, specialità Boulder, Giulia Passini si è laureata Campionessa Regionale U16, all'esordio nella categoria e in maniera davvero clamorosa e impronosticabile. Campionessa l'anno scorso fra le U14, terza a Milano a inizio DIcembre, Giulia ha vinto a Brescia, nella più dura gara mai organizzata in Lombardia non solo a livello giovanile. Una prestazione superba, condita dal secondo posto di Valentina Arnoldi, sempre nella U16f, al secondo di Juri Villa, U16m e anche lui all'esordio in categoria, e al secondo di Anna Aldè, U20f.

Ottime anche le prestazioni di Vera Missaglia, quinta, e Francesco Locatelli, sesto, buone quelle di tutti gli altri atleti, che hanno battagliato su problemi da livello senior di semifinale Coppa Italia con una Resilienza davvero encomiabile. A Milano, nella prima delle due gare, avevamo avuto il terzo posto di Giulia Passini, Giulia Rosa, Samuele Bonfanti e Anna Aldè.

"La vittoria di Giulia è qualcosa di memorabile e sicuramente è un risultato che conferma certe sensazioni, ovvero che si può pensare ad obiettivi nazionali difficili ma non impossibili. E così anche per Juri e Anna. Valentina e Giulia Rosa già hanno fatto un'ottima stagione di Coppa Italia Lead e hanno affiancato Bea nel gareggiare ad alti livelli, e abbiamo parecchi maschi che possono fare lo stesso".

"Quella di Brescia è stata una gara spartiacque, un qualcosa che non era mai avvenuto prima: una gara con Boulder di semifinale di Coppa Italia assoluta, o semifinale di Coppa Europa giovanile. Molte squadre a tleti ne sono stati annientati, i nostri atleti hanno superato sconforto e difficoltà che sembravano ben oltre lo standard con una tenacia e con dei finali clamorosi. Siamo entusiasti e no ci resta che proseguire su una strada che epr loro è certamente molto impegnativa ma che hanno abbracciato con gioia".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

8 Agosto 1956 in Belgio, nella piccola città mineraria di Marcinelle, scoppia un incendio nella miniera di carbone. Moriranno 262 lavoratori di 12 nazionalità diverse, la maggior parte (136 sono italiani)

Social

newTwitter newYouTube newFB