Lecco, 31 luglio 2020   |  

Appello per Lecco: La nostra idea per il centro città

Ipotesi di rigenerazione del comparto Palazzo Bovara, ferrovia ed ex-piccola velocità

render appello

La proposta di Appello per Lecco sul centro città.

I lavori della nuova sede comunale, permettono di progettare il futuro del comparto intorno a Palazzo Bovara. Pensiamo alla demolizione della parte "meno nobile" a fianco del palazzo, per rendere l'accessibilità e il parcheggio della stazione ferroviaria più sicura, fruibile e funzionale per le utenze. Uno scenario come questo ben risponde all’applicazione concreta del termine rigenerazione: riduzione dei volumi edilizi con nuovi spazi riconsegnati alla collettività per migliorare le funzioni pubbliche con piazze e aree a verde.

Pensiamo poi al positivo riflesso che avrebbe un progetto di lungo respiro, come quello dell'interramento della ferrovia, che porterebbe ad una ricucitura del tessuto cittadino per una città più vivibile, sostenibile e Green.

Già nel 2016 Appello per Lecco aveva proposto l’interramento di circa 600 metri di ferrovia che consentirebbe di realizzare in pieno centro un grande bosco urbano con itinerari pedonali e sportivi, mettendo in collegamento l’area della ex-Piccola velocità con l’area del Caleotto con la cittadella dell’ambiente, della scienza, della tecnologia e dell’educazione.
Questa proposta potrebbe essere avanzata alle Ferrovie dello Stato già nel 2021, anche perché è in programmazione un intervento sul complesso della stazione di Lecco.
La ferrovia sottrae un quantità gigantesca di spazio in superficie e taglia di mezzo la città. Occorre da Amministratori ripensare il nostro rapporto con questo servizio rendendolo più efficiente, ma soprattutto rivendicando la possibilità di tornare a fruire di un’area strategica per la città di circa 100.000 mq.
Impresa certo importante ma non impossibile considerato che l’interramento della ferrovia ormai é una pratica che avviene in diverse città d’Europa come in alcune parti d’Italia.
I processi di trasformazione di una città non sono immediati, vanno pianificati e poi accompagnati passo-passo: i primi tasselli li abbiamo messi, con l’acquisizione dell’area della ex-piccola velocità e con la ricollocazione degli uffici comunali, e abbiamo ben chiaro quali sono gli step successivi da compiere per arrivare alla visione di città futura che queste immagini ci mostrano.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

29 Ottobre 2004 a Roma i 25 Paesi membri dell'Unione europea firmano la Costituzione europea

Social

newTwitter newYouTube newFB