Lecco, 01 febbraio 2019   |  

Ostello della Gioventù: partono i lavori, serviranno 18 mesi

Nei prossimi giorni ALER farà la consegna dell’appalto; un’operazione da due milioni di euro.

render ostello 2018

"L’Ostello della Gioventù, sdoganato con merito sul piano procedurale dalla “Giunta Faggi” 10 anni orsono, non è più un fantasma ma una struttura che prende corpo": lo dichiara noto il sindao di Lecco Virginio Brivio.

Nei prossimi giorni ALER farà la consegna dell’appalto (un’operazione da due milioni di euro) alla nuova ditta che dovrà, entro 18 mesi, portare a termine i lavori.

"È inutile - commenta Brivio - ora recriminare, anche se vale la pena ricordare come la via dell’ostello sia stata lastricata da ostacoli, contenziosi giudiziari, disavventure e non dico malocchio perché la superstizione non abita in me. Volentieri voglio riconoscere il ruolo dei partner (Provincia, Regione e ALER) che hanno permesso di centrare un obiettivo destinato a diventare un punto di riferimento sul piano turistico e dell’incontro tra giovani. Ringrazio ALER in particolare come Ente attuatore dell’intervento, non nuova a collaborazioni con l’amministrazione comunale, si pensi ad esempio alla ristrutturazione del bene confiscato “Wall Street”, ora pizzeria Fiore".

E ancora: "Spesso, quando si parla di integrazione, ci si dimentica che occorrono strutture adatte e mirate per trasformare luoghi comuni in luoghi d’incontro. L’ostello che come si sa è, per ora, un involucro abbandonato in corso Matteotti nel quartiere di San Giovanni, prenderà forma; non sarà solo un dormitorio di passaggio ma anche il crocevia per gli appassionati di sport all’aria aperta. Si insedieranno servizi che vanno dalla ristorazione alla manutenzione degli strumenti per esercitare hobby come bici, alpinismo, sport d’acqua. Insomma un bel passo avanti, passo da “montanaro” che, certamente, è più lento di chi si butta in una discesa, ma che quando si avvia, e stavolta si avvia, non torna indietro e lascia traccia nella memoria della città!".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Luglio 1992 a Palermo, a pochi mesi dalla strage di Capaci, viene ucciso dalla mafia il procuratore della Repubblica Paolo Borsellino

Social

newTwitter newYouTube newFB