Lecco, 18 aprile 2017   |  

Aperture festive. Straniero (PD): bisogna ridare dignità ai lavoratori e alle loro famiglie

Il consigliere regionale: E' sotto gli occhi di tutti che queste liberalizzazioni non hanno determinato nessun beneficio economico e sociale

volto straniero

“E' ora di ridare dignità e diritti ai lavoratori ed alle loro famiglie. E' sotto gli occhi di tutti che queste liberalizzazioni non hanno determinato nessun beneficio economico e sociale, al contrario hanno comportato un peggioramento delle condizioni dei lavoratori e contribuito al depauperamento dei piccoli negozi di vicinato ed alla desertificazione commerciale di diversi centri storici dei paesi e delle città lombarde”.

Lo dichiara Raffaele Straniero, consigliere PD, firmatario della mozione che domani sarà discussa in aula consiliare e che il gruppo regionale aveva preparato nei giorni scorsi in risposta alle criticità legate agli effetti del decreto “Salva Italia” del 2011 e culminate con lo sciopero dei lavoratori durante il giorno di Pasqua del Designer Outlet di Serravalle.

“La mozione, nello specifico – spiega il consigliere - impegna la Giunta a riprendere al più presto la discussione sulla revisione delle norme che regolano le aperture degli esercizi commerciali nei giorni festivi, focalizzando l’attenzione sulle effettive ricadute delle liberalizzazioni sul tessuto economico e sull’aspetto sociale ed etico della qualità della vita dei lavoratori e delle loro famiglie e verificare la possibilità di un accordo territoriale tra le parti sociali e datoriali per arrivare alla chiusura dei centri commerciali, almeno durante le giornate festive celebrative di ricorrenze civili e religiose”.

“Non è necessario uno sciopero per rivendicare il diritto alla festività – conclude Straniero - in quanto si tratta di un diritto costituzionalmente garantito e lo dimostrano le sentenze di merito e della Corte di Cassazione che cancellano le sanzioni comminate dai datori di lavoro nei confronti di lavoratori assenti dichiaratamente nei giorni festivi”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

13 Dicembre 1294 papa Celestino V abdica, compiendo il dantesco Gran Rifiuto

Social

newTwitter newYouTube newFB