Oggiono, 10 aprile 2017   |  

Annullata la multa alla parrucchiera che non si era fatta lo scontrino

La Guardia di Finanza ha deciso di togliere la sanzione a Mara Lucci che non si era auto-emessa la fattura.

gdf 22

La Guardia di Finanza di Lecco ha deciso di annullare il verbale da 500 euro emesso lo scorso 5 aprile nei confronti di una parrucchiera di Oggiono, Mara Lucci, titolare del salone di via Montegrappa, per non aver emesso la ricevuta fiscale dopo una prestazione di messa in piega effettuata alla stessa da una sua collaboratrice.

La vicenda, resa pubblica dal quotidiano La Provincia di Lecco, e che tanto stupore aveva generato soprattutto sui social, ha visto una svolta quest'oggi dopo che il Comandante del Reparto ha revisionato il verbale e, convocata la signora Lucci, ha proceduto ad annullare il processo verbale di constatazione in autotutela per una in esatta interpretazione della norma tributaria da parte della pattuglia operante.

Le fiamme gialle lecchesi precisano che all'atto di oggi si è giunti "a seguito della normale attività di controllo e revisione delle attività effettuate, prassi che contraddistingue il Corpo in un rapporto di cooperazione e trasparenza con il contribuente".

Da una una valutazione più approfondita della vicenda da parte della Finanza è emerso che, pur trattandosi di un caso di autoconsumo, la prestazione resa alla parrucchiera dalla sua assistente, di valore inferiore a euro 50,00, per uso personale e senza il pagamento del corrispettivo, avrebbe dovuto essere considerata esclusa dall’IVA e, quindi, anche dall’obbligo del rilascio della ricevuta fiscale.

"Consapevole della centralità del rapporto di fiducia tra fisco e contribuente, questo Comando - commentano i finanzieri - proseguirà sulla strada del dialogo costruttivo con il cittadino, a tutela dell’economia legale".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Aprile 1915 a Londra, Sidney Sonnino, per conto del Regno d'Italia, firma un patto con Gran Bretagna e Francia, impegnandosi ad entrare in guerra contro la Germania e l'Austria

Social

newTwitter newYouTube newFB