Lecco, 12 luglio 2018   |  

"Anche il commercio è solidale": Confcommercio rinnova l'adesione al Patto di Comunità

Si punta a costruire collaborazioni con negozi di vicinato presenti nei quartieri della città per offrire un servizio di consegna a domicilio di generi alimentari, in particolare per anziani che non sono più in condizione di effettuare la spesa in autonomia.

mariani e peccati firma

La giunta comunale di Lecco ha approvato, all'interno del Patto di Comunità che declina collaborazioni instaurate dal Comune con una serie di realtà del territorio nel segno del sostegno alle persone in difficoltà, un nuovo accordo con Confcommercio Lecco, che realizzerà in questo ambito una serie di attività che trovano spazio nel progetto denominato "Anche il commercio è solidale".

Il progetto, frutto del lavoro sinergico del settore politiche sociali per la casa e il lavoro del Comune di Lecco, dei suoi servizi famiglia e territorio, Ce.Se.A, S.I.D. e di Confcommercio Lecco, si concretizzerà attraverso lo sviluppo di opportunità socio occupazionali, ovvero il coinvolgimento di due persone nello svolgimento di alcuni fasi del più ampio progetto "Iniziative Natalizie", e la costruzione di collaborazioni con esercizi di generi alimentari nei quartieri disponibili a sperimentarsi nel ruolo di “negozio di vicinato” per anziani ancora in grado di prepararsi il pasto, ma impossibilitati a recarsi in autonomia a fare la spesa.

Del nuovo accordo si dichiara soddisfatto l'assessore alle politiche sociali del Comune di Lecco Riccardo Mariani: "Ottimo il nuovo patto di comunità con Confcommercio che ho personalmente sottoscritto martedì 10 luglio. L'accordo conferma che la collaborazione tra le politiche sociali del Comune di Lecco e l'importante associazione è salda e in grado di rilanciare il patto con il cosiddetto "negozio di vicinato" per essere ancora più al fianco degli anziani nei quartieri cittadini. È il welfare in cui crediamo da sempre - prosegue l’assessore - quello che apre e include nuovi soggetti territoriali e associativi perché la cura della comunità è responsabilità di tutti, in primis del Comune, che ha il compito di favorire la partecipazione di tutti coloro che hanno a cuore Lecco e i suoi cittadini, in particolare quelli più fragili e vulnerabili".

Questi progetti hanno infatti lo scopo di sostenere le persone in difficoltà socio-economica, contrastandone l'emarginazione e aiutandole a domicilio: "Oltre un anno fa, abbiamo deciso di sottoscrivere il progetto "Anche il Commercio è solidale" a testimonianza dell'impegno di Confcommercio Lecco per la città e per il territorio anche oltre il perimetro delle tradizionali attività di una associazione datoriale. Con il Comune di Lecco, con il quale già collaboriamo da anni in modo proficuo in ambito culturale, abbiamo voluto sottoscrivere un impegno formale anche nell'ambito del sociale - spiega il presidente di Confcommercio Lecco Antonio Peccati. Alla luce di quanto fatto in questi 15 mesi, abbiamo valutato insieme di confermare due progetti che avevamo individuato nel 2017: quello delle Iniziative Natalizie di Confcommercio Lecco previste nei mesi di ottobre, novembre e dicembre di ogni anno, con l'offerta di una opportunità socio occupazionale per due persone e quello che offriva la possibilità di eseguire lo sgombero di materiali a fronte di una donazione fiscalmente deducibile. Inoltre questa nuova intesa propone di costruire collaborazioni con negozi di vicinato presenti nei quartieri della città per offrire un servizio di consegna a domicilio di generi alimentari, in particolare per anziani che non sono più in condizione di effettuare la spesa in autonomia. Il tutto inserito in un percorso che vedrà il coinvolgimento e la sinergia di famiglie, negozianti e operatori del Comune.

Il Patto di Comunità che andiamo oggi a rinnovare - sottolinea il presidente - rappresenta per noi un progetto di assoluto valore e rilevanza nel quale crediamo profondamente. Siamo sicuri che la cittadinanza e i commercianti risponderanno positivamente a questa rinnovata intesa, con un risultati positivi per tutto il tessuto sociale di Lecco".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newTwitter newYouTube newFB