Lecco, 02 febbraio 2018   |  

Amianto nell'area Leuci: "non vogliamo promesse ma azioni concrete"

"Noi cittadini abbiamo fatto la nostra parte, ora aspettiamo che le promesse annunciate siano messe in pratica".

CroppedImage720439 rischio amianto leuci 3

Cinzia Manzoni, Presidente dell’associazione Gruppo Aiuto Mesotelioma, interviene sul tema della bonifica dell'area Leuci di Lecco dall'amianto.

Da anni il Gruppo Aiuto Mesotelioma ed i cittadini lecchesi attendevano la notizia della bonifica dell’ex Leuci: non possiamo dunque che essere soddisfatti di questo annuncio comunicato dalla proprietà agli organi di stampa.

E’ una vittoria per tutta la città di Lecco, purché non sia solo un modo per perdere altro tempo, perché non sia che una promessa per illudere i residenti.

Non possiamo non constatare come la notizia sia arrivata a pochi giorni di distanza dal sit-in che abbiamo organizzato di fronte ai cancelli dell’azienda, al quale hanno partecipato un centinaio di cittadini (da Lecco e da tutta la Provincia) e diversi amministratori locali. Insieme abbiamo gridato a gran voce il nostro desiderio di poter respirare liberi, senza paure e senza rischi.

E’ stato necessario chiamare i giornali e le televisioni per smuovere la proprietà, dopo anni di silenzio nonostante le continue rimostranze dei residenti preoccupati per la loro salute.

Significa che il presidio è servito, ci dà una nuova e forte spinta per continuare sulla nostra strada.

Noi cittadini abbiamo fatto la nostra parte, ora aspettiamo che le promesse annunciate siano messe in pratica.

Alla proprietà vogliamo ricordare che di fronte ai pericoli dell’amianto le parole non bastano, occorrono i fatti.

All’Amministrazione Comunale chiediamo di non indietreggiare e di continuare a tenere gli occhi puntati sull’ex Leuci, proprio come continueremo a fare anche noi.

Al di là della burocrazia e delle promesse, la parola fine a questa vicenda sarà messa soltanto il giorno in cui verrà effettuata una bonifica totale e definitiva del materiale, che elimini il rischio dell’amianto una volta per tutte.

Ringraziamo infine tutti i cittadini e gli amici che sabato pomeriggio hanno dedicato parte del loro tempo alla nostra causa e si sono uniti alla nostra protesta.

Cinzia Manzoni
Presidente dell’associazione Gruppo Aiuto Mesotelioma

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Febbraio 1984 viene firmato l'accordo di villa Madama, il nuovo concordato tra Italia e Santa Sede.

Social

newTwitter newYouTube newFB