Lecco, 02 novembre 2018   |  

Alla Galleria Melesi i “giorni senza nome” di Nicolò Tomaini

Sabato 10 novembre l’inaugurazione della personale del giovane artista lecchese che affronta con un linguaggio ironico e dissacrante il tema dell’immagine nell’era digitale

La mostra personale Verranno giorni senza nome presenta diverse serie di lavori, alcuni già noti altri inediti, del giovane artista Nicolò Tomaini (1989).

Si parte con un’opera degli esordi, datata 2010 e intitolata Nuovi regimi; sulla tela è rappresentata una svastica con la “effe” di Facebook… qui ha inizio il racconto, senza presunzione di giudizio, della nostra società digitale.

Alcuni Black mirror (2017-2018), specchi senza funzione, diventano accattivanti icone di un ipotetico “profilo” di social network e, con la classica frase “upload your image” ci invitano a caricare la migliore immagine di noi, quella perfetta, quella spesso ritoccata… infedele.

Più ampio spazio è dato alla serie “Loading” (2016-2018) con una decina di opere che, in attesa di caricamento, ci invitano a riflettere sul consumo visivo d’immagini che ogni giorno facciamo giusto il tempo di una condivisione o di uno scrolling. Lo stesso vale per le ultimissime ricerche dove immaginarie schermate di YouTube o di Instagram sono congelate dall’artista impedendo il loro scorrere veloce sullo schermo di uno smartphone.

La ricerca di Nicolò Tomaini, con l’uso complementare sia di tecniche e materiali vecchi (tele originali dell’800, cornici antiche), sia di oggetti contemporanei (smartphone, tablet, trasferibili) vuole veicolare un messaggio che stimoli nell’osservatore uno spunto di riflessione sul consumo veloce delle immagini, dell’informazione e anche dei rapporti umani. Un messaggio che sia fruibile a tutti, “democratico” come lo strumento che abitualmente e ossessivamente consumiamo tra le mani.

Da questa esigenza di arrivare a tutti nasce un video di Eva Castelletti che risponde alle domande “chi è e cosa fa Nicolò Tomaini?” rivolte agli amici, agli habitué del bar Visconti da lui frequentato, ai corniciai di fiducia, ecc…

L’artista:

Nicolò Tomaini nasce a Bellano LC il 23 settembre 1989. Frequenta il Liceo Scientifico A. Volta a Lecco e la facoltà di Lettere a Bergamo. Si affaccia al mondo dell’arte contemporanea da autodidatta realizzando i primi lavori nel 2010. Vive e lavora a Lecco.

Inaugurazione: sabato 10 novembre 2018, ore 18.30

Durata: 10 novembre 2018 – 19 gennaio 2019

Orario: da martedì a domenica 16 – 19

(chiusura per le festività dal 25.12.18 al 6.01.19)

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB