Lecco, 23 luglio 2018   |  

Campo antimafia di Lecco: fotografia sociale e lettura sociale

Oltre all’ambito formativo, questa edizione del campo antimafia vedrà la realizzazione di una serie di eventi che andranno a coinvolgere tutta la cittadinanza.

image008ddd

Da venerdì 27 luglio saranno 12 ragazzi dai 16 ai 22 anni provenienti da Toscana, Liguria, Piemonte e EmiliaRomagna i protagonisti della sesta edizione del campo antimafia ATtivaTORI di Cittadinanza organizzato da Arci Lecco insieme alel sedi lecchesi di Libera, Spi Cgil, Cgil , Auser Volontariato e in collaborazione con Legambiente Lecco Onlus e AlmaFaber.

Oltre all’ambito formativo, questa edizione del campo antimafia vedrà la realizzazione di una serie di eventi che andranno a coinvolgere tutta la cittadinanza.

Si parte con sabato 28 luglio, alle ore 18 presso FIORE Cucina in Libertà con “raccontare l’Antimafia Sociale” la presentazione della trilogia di Alessandro Gallo, scrittore, attore, editore e regista impegnato in progetti di educazione alla legalità e teatro civile. Si può parlare di legalità ai ragazzi coinvolgendoli con romanzi appassionanti? Alessandro dimostra di sì scrivendo, dal 2011 per Navarra Editore “Scimmie”, "Andrea torna a casa" e "Tutta un'altra storia" : appassionanti racconti ambientati fra la Campania e la Sicilia in cui la storia personale di alcuni giovani e delle loro famiglie si intreccia con le vicende di cronaca legate alla storia della criminalità organizzata.

Grande attesa per martedì 31 luglio, con l’attivazione del workshop di fotografia sociale a cura del fotografo Giulio Di Meo, che insieme ai ragazzi coinvolti nell’attività andrà a documentare il lavoro che i volontari del campo svolgeranno presso alcuni beni confiscati della nostra città e della provincia di Lecco.

Il workshop si articolerà in quattro giorni, duranti i quali i partecipanti saranno guidati nello sviluppo di un progetto fotografico, attraverso l’analisi delle diverse fasi necessarie alla sua realizzazione: dall’idea alla pianificazione, dal lavoro sul campo all’editing, fino alla presentazione reportage.
Il workshop è inserito nelle attività di reportage che dal 2007 l’ARCI e la sua ONG, ARCS, promuovono e organizzano in Italia e all’estero (Bolivia, Brasile, Camerun, Colombia, Cuba, Saharawi) con l’obiettivo di avvicinare giovani italiani a determinate realtà e problematiche attraverso la fotografia sociale.

Venerdì 3 agosto, invece, i ragazzi del campo racconteranno la propria esperienza al Circolo Arci La Lo.Co. di Osnago, nell’ambito dell’iniziaitva Non solo Musica, realizzata in collaborazione con Arci Mingus Live di Carnate in cui sono previste una cena di raccolta fondi in sostegno della Cooperativa Lavoro e Non Solo di Corleone e un concerto che vedrà l’esibizione di Sara Velardo, Lost In Paradise , Mattiska HC .

Per tutta la durata del campo, che vedrà la sua conclusione sabato 4 agosto, i ragazzi saranno impegnati, in numerose attività di studio, informazione e formazione sui temi della lotta alla mafia e, in particolare, sull’importanza e sul significato sociale che sta alla base dell’atto della confisca: quello di restituire i beni alla comunità, renderli vivi, animarli con iniziative culturali, formative e informative sulla difesa della democrazia, della legalità, della giustizia sociale, del diritto al lavoro.

L’obiettivo principale dell’esperienza di quest’anno sarà quello di proporre alle giovani generazioni di essere protagoniste di queste comunità di cittadini attivi, stimolandole alla condivisione di idee, sogni, proposte utili alla strutturazione di un progetto di riutilizzo di un bene confiscato non ancora assegnato nella nostra provincia.

Le attività formative organizzate da Arci secondo in modalità ludico-creative, avranno lo scopo di conoscere la storia delle presenze mafiose a Lecco e come il territorio si adopera per promuovere una cultura della legalità. Il percorso formativo toccherà inoltre le specifiche tematiche delle ecomafie, del gioco d’azzardo patologico e delle sue connessioni con la criminalità organizzata, del caporalato e della dimensione europea della criminalità organizzata.

Molto importante sarà dunque la collaborazione attiva con i partner di progetto, sia quelli “nuovi” che quelli che da sempre hanno supportato nel realizzare questa attività: in particolare, con Legambiente si scopriranno i legami fra mafie e ambiente e ci si adopererà attivamente nella pulizia di una delle spiagge del lago, con Spi Cgil si riscoprirà la città di Lecco partendo dai luoghi del lavoro, con Cgil si affronterà il tema delle aziende confiscate.

Non mancheranno le iniziative aggregative in sostegno di altre realtà impegnate nel contrasto alla criminalità organizzata, gli incontri di conoscenza con i testimoni diretti della lotta alla mafia nonché con i rappresentanti delle Istituzioni che sul territorio e non solo si impegnano nella tutela della legalità, del contrasto alla criminalità organizzata e dell’appoggio alle realtà che svolgono azioni di cittadinanza attiva e antimafia sociale.

In particolare è previsto per le ore 15.30 di giovedì 2 agosto a Il Giglio - Lecco un incontro con con Virginio Brivio Sindaco di Lecco e il dott. Stefano Simeone della Prefettura di Lecco, con la partecipazione di Gianantonio Girelli di Avviso Pubblico e Massimo Cortesi di Arci Lombardia.

Le attività si svolgeranno, in particolare, presso tre beni confiscati del nostro territorio: Fiore Cucina in Libertà, l’immobile che sorge in via Belfiore 1 a Lecco ora pizzeria e centro per attività sociali e culturali , Il Giglio l’ex pizzeria ora sede di un centro di aggregazione per anziani nel quartiere Pescarenico e Le Querce di Mamre, villetta sita a Galbiate ora sede di un Centro Diurno Inegrato per persone anziane.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB