Valmadrera, 05 aprile 2019   |  

Ai domiciliari per spaccio di droga, tentata estorsione e rapina aggravata

Arrestato un 22enne, originario della Colombia, disoccupato, residente a Valmadrera. Era solito spacciare anche a minorenni e vicino alle scuole.

Carabinieri 1

I Carabinieri della Stazione di Valmadrera martedì sera hanno dato esecuzione auna misura cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Luis Guillermo Chindamo, 22enne, originario della Colombia, disoccupato, residente a Valmadrera, per spaccio di sostanze stupefacenti, rapina aggravata nonché tentata estorsione.

L’attività d’indagine dei Carabinieri aveva avuto inizio lo scorso mese di ottobre, a seguito di una denuncia sporta da un 20enne “cliente” dell’arrestato, per le minacce di morte ricevute da quest’ultimo a causa di un debito di droga non pagato.

I Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Lecco, hanno quindi provveduto ad analizzare il giro d’affari del Chindamo, individuando altri suoi clienti, tra cui minorenni, che avevano acquistato, in varie occasioni, dal 2012 ad oggi, dosi di marijuana e hashish, a volte anche in prossimità di istituti scolastici.

L’8 marzo scorso, a seguito di una perquisizione domiciliare, effettuata presso la casa dell’indagato, i Carabinieri di Valmadrera hanno rinvenuto circa 60 grammi di hashish, già suddivisi in vari pezzi, nonché un bilancino di precisione, verosimilmente utilizzato per l’attività di spaccio.

Per quanto attiene la rapina aggravata, l’episodio risale alla serata del 9 novembre 2018, quando tre ragazzi ventenni, dopo aver trascorso parte della serata in un locale di Valmadrera, rientrando a casa, avevano incontrato per caso il Chindamo, loro conoscente, che, in compagnia di altri sei o sette ragazzi minorenni, senza alcun apparente motivo, si rivolgeva ai tre pretendendo un saluto, manifestando una condotta prepotente e minacciosa. Vista la loro indifferenza, sferrava un calcio al fianco di uno di loro, afferrandolo per le braccia e bloccandolo contro un muro, intimandogli di dargli tutti i soldi che possedeva. Al rifiuto, gli prendeva il portafogli dalla tasca, prelevando una banconota da 50 euro, minacciandolo infine di non denunciare il fatto.

A seguito delle risultanze investigative raccolte dai Carabinieri di Valmadrera, il GIP presso il Tribunale di Lecco, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti del 22enne, provvedimento che, nella giornata di giovedì 4 aprile, è stato confermato a seguito di interrogatorio di garanzia.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newTwitter newYouTube newFB