Lecco, 11 ottobre 2017   |  

A Valerio Massimo Manfredi il premio Manzoni alla carriera

di Stefano Scaccabarozzi

La serata di consegna si terrà il 10 novembre presso l'auditorium della Camera di Commercio.

mito eracle lectio valerio massimo manfredi 500

Sarà Valerio Massimo Manfredi a salire sul palco dell'auditorium della Camera di Commercio per ritirare la decima edizione del premio Manzoni alla carriera.

“Un personaggio di levatura internazionale, uno degli scrittori che meglio interpreta la vocazione manzoniana per il romanzo storico, uno studioso che ha fatto della sua passione, l'archeologia, il suo tratto caratteristico. Manfredi è anche docente universitario, giornalista, intrattenitore televisivo che ha incantato moltissimi lettori in tutto il mondo”, spiega Eugenio Milani di 50 e più, l'associazione che organizza il premio.

conferenza premio manzoni 2017Manfredi ha pubblicato articoli e saggi e ha scritto romanzi di grande successo: da Alexandros, alla trilogia d Ulisse, passando per Lo scudo di Talos, L'ultima legione, l'Armata perduta. Ha vinto il premio Bancarella, il premio Hemingway ed è stato nominato commendatore della Repubblica.

Manfredi è uno scrittore che fa della propria preparazione storica e archeologica un valore aggiunto unico, come spiega il professor Gian Luigi Daccò: “è un grande antichista, che ancora oggi porta avanti scavi archeologici di livello altissimo. Bravissimo divulgatore, ma anche uno storico rigoroso e serio, un uomo che ha insegnato in quasi tutte le università europee. Nei suoi romanzi, tradotti in tutto il mondo, vi è sempre una estremamente attenta ricostruzione storica. Manzoni è stato il primo a usare lo stesso sistema di documentazione: il verosimile ma basato sui documenti storici”.

Particolarmente soddisfatto anche il professor Stefano Motta: “Manfredi è un autore che viene letto a scuola, come Manzoni. Sono due autori la cui alta tiratura è molto legata al mondo scolastico. Un romanzo di Manfredi, L'Ultima legione, è divenuto addirittura un film hollywoodiano. Manfredi rappresenta  dunque un'espressione culturale a tutto tondo. Manfredi e Manzoni sono simili anche nello stile della scrittura: raccontare la storia attraverso personaggi apparentemente minori, ma verosimili”.

mazzoleni e dacco“Il nostro premio – conclude Milani - è divenuto un appuntamento irrinunciabile sia per ricordare la figura di Manzoni sia per legare la cultura alla promozione turistica del territorio".

Manfredi succede a Dacia Maraini, Luis Sepulveda, Giulia Maria Crespi, Paolo Conte, Emanuele Severino, Mario Botta, Luca Ronconi, Ermanno Olmi e Umberto Eco. La cerimonia di premiazione si terrà nella serata di venerdì 10 novembre presso l'auditorium della Camera di Commercio.

Nella serata del 28 ottobre si terrà invece la premiazione del premio Manzoni al romanzo storico, giunto alla tredicesima edizione. Nell'occasione verranno scrutinate le schede dei 100 giurati, selezionati dalle libreria, che avranno il compito di decretare il vincitore tra Eraldo Baldini (“Stirpe selvaggia” per Einaudi), Valerio Callieri (“Teoremo dell'incompletezza” per Feltrinelli”) e Gianfranco Calligarich (“La malinconia dei Crusich” per Bombiani) selezionate dalla giuria tecnica guidata da Ermanno Paccagnini.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newTwitter newYouTube newFB