Lecco, 24 luglio 2018   |  

A settembre gli stati generali di Forza Italia Lecco

"Tutti insieme uniti con l’intento di lavorare per affrontare al meglio gli importanti appuntamenti elettorali che attendono Forza Italia la prossima primavera"

Il comitato provinciale di Forza Italia Lecco, riunitosi ieri pomeriggio nella sede cittadina, sotto la presidenza del coordinatore provinciale Davide Bergna ed alla presenza del vice coordinatore regionale Alan Rizzi, ha discusso della situazione politica locale e nazionale, della strategia di rilancio e della strutturazione del movimento nella nostra provincia, anche alla luce della nuova nomina a vice presidente del movimento azzurro dell’on. Antonio Tajani.

La volontà di ampliare il comitato e lo spirito costruttivo rimangono inalterati, ma viste le dichiarazioni di apertura della stagione congressuale fatte dal presidente Berlusconi e dal vice presidente Tajani, si è deciso di non procedere all’allargamento del comitato stesso, eletto dal congresso.

Resterà quindi inalterata l’attuale struttura di coordinamento - che è stata democraticamente eletta - alla guida del partito locale: Davide Bergna coordinatore, Carlo Pelucchi vice coordinatore con i membri Antonio Tallarita, Vanessa Lucernini, Antonio Conrater, Gianluigi Valsecchi, Olivo Valsecchi, Roberto Gagliardi, Cicci Silverj e Oscar Arrigoni. L’on. Michela Vittoria Brambilla e il consigliere regionale Mauro Piazza ne fanno parte come membri di diritto.

"Le persone che si erano rese disponibili nell'ottica di un maggiore radicamento territoriale del movimento azzurro saranno adeguatamente valorizzate nel percorso di lavoro dei prossimi mesi. Tale percorso inizierà con gli Stati Generali di Forza Italia Lecco previsti per la fine di settembre, ai quali prenderanno parte dirigenti, amministratori e militanti oltre a esponenti di spicco del partito a livello nazionale: tutti insieme uniti con l’intento di lavorare per affrontare al meglio gli importanti appuntamenti elettorali che attendono Forza Italia la prossima primavera", spiegano dal partito.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB