Milano , 05 novembre 2017   |  

A Milano, l'arte è a portata di tutti

di Paola Mormina

Dal 1 Novembre al 14 Gennaio 2018 l’arte diviene “tangibile”grazie all’esposizione Take me I’m yours, attualmente in scena al Pirelli HangarBicocca. Le opere esposte possono infatti essere toccate, spostate, modificate e portate via

IMG 20171104 WA0009

“Non toccare” è il cartello tipico nel quale ogni visitatore s’imbatte appena varcata la soglia di una mostra. In “Take me I’m yours” invece tutto ciò che è vietato fare in un museo o in una galleria diventa possibile; i visitatori sono parte integrante proprio perché possono toccare, maneggiare, spostare e stravolgere ogni opera, rivoluzionando così quel cliché di comportamento abitualmente imposto. Nata da un’idea di Christan Boltanski e Hans Ulrich Obrist e allestita per la prima volta nel 1995 all’interno della Serpentine Gallery di Londra, ha iniziato poi a girare il mondo a partire dal 2001: ogni volta però, che sia a Parigi, Copenhagen, New York o Buenos Aires, riallestita in una versione differente concepita dalla conversazione e dallo scambio d’idee tra curatori e artisti.

A Milano attualmente sono più di 50 quelli chiamati ad esporre, e il fulcro attorno al quale ruota il tutto è proprio un’opera del francese Boltanski, “Dispersion”: un’installazione che comprende mucchi di vestiti e che i visitatori possono di volta in volta stravolgere a piacimento. E’ possibile dunque scegliere il capo che si desidera, misurarlo, e perché no, portarlo via. Un’opera destinata a scomparire, ad esaurirsi, altro concetto che la mostra vuole sottolineare, insieme a quello della fruibilità.

L’artista Douglas Gordon invece simula una vera e propria lotteria, in palio c’è una cena con lui, basta compilare un form e imbucarlo nell’apposita teca, al resto ci penserà la fortuna. Yoko Ono pensa invece a due alberi di limone, wish trees, sui quali appendere biglietti con scritto i propri desideri. Anche qui, forse, un po’ di fortuna occorre. Diverso il concetto invece per Dominique Gonzales-Torres che provvede a realizzare un bel tappeto di caramelle alla menta esposto alla mercé di qualsiasi goloso, o per Franco Vaccari, che espone un pannello di fotografie al quale è possibile aggiungerne una propria, o banalmente, staccare e portare via ciò che piace di più. Francesco Vezzoli mette invece a disposizione un disegnatore per chi voglia farsi ritrarre, idea simpatica e coinvolgente, così come utilizzare usare gli stencil e i tatuaggi temporanei di Lawrence Weiner che riportano il motto dell’opera NAU EM I ART BILONG YUMI.

Se invece preferite scambiarvi spille con frasi ad effetto potete contare su quelle esposte da Gilbert & George, oppure potete concentrarvi direttamente su Maurizio Cattelan, il quale mette a disposizione copie del poster ricevuto in dono da Alighiero Boetti. E’ possibile fare qualunque cosa aggrada aggirandosi tra gli spazi in mostra senza limiti di azione o divieti, l’unico obbligo è costituito dall’acquisto della borsa creata dall’artista Christian Boltanski, necessaria però soltanto nel caso s’intenda prendere e collezionare le opere. In vendita presso l’Info Point o al Bookshop all’ingresso costa 10 euro, e gli introiti contribuiscono a supportare la produzione delle opere distribuite.

Attualmente ancora presente tra gli spazi immensi di HangarBicocca è inoltre la mostra Ambienti / Enviroments di Lucio Fontana, con la quale questa collettiva instaura un peculiare rapporto di complementarietà, data la natura astratta legata alla luce e allo spazio delle stanze luminose create dall’artista italiano. Come a dire, insomma, l’arte non è soltanto ciò che si vede e che è destinato a durare nel tempo come testimonianza di epoche e gusti passati, ma è tutto ciò che ci circonda se osservato con gli occhi e l’animo dell’artista.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Febbraio 1931 viene varata la Amerigo Vespucci, tuttora in servizio, ed utilizzata per l'addestramento degli allievi dell'Accademia Navale di Livorno.

Social

newTwitter newYouTube newFB