Lecco, 09 febbraio 2018   |  

A Lecco il convegno della Lega sulla libertà vaccinale

L’appuntamento, fissato per domenica 11 febbraio alle ore 15:00 presso il Palataurus

LOCANDINA 180211 Arrigoni Vaccini Lecco Palataurus

La segreteria provinciale della Lega di Lecco organizza un incontro pubblico di approfondimento con esperti di assoluto rilievo del mondo dell’associazionismo, della sanità e della giurisprudenza per discutere di Vaccini: “Libertà di conoscere. Libertà di scegliere”.

L’appuntamento, fissato per domenica 11 febbraio alle ore 15:00 presso il Palataurus di Viale Brodolini a Lecco (Maggianico), vedrà il contributo dell’avvocato Vanni Oddino, legale del Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino, del professor Paolo Bellavite, medico chirurgo e per anni docente di patologia generale all’Università degli Studi di Verona, dell’avvocato Mirella Manera, di Giuristi per l’azione popolare, e dell’ingegner Claudio Simion, presidente del Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà delle Vaccinazioni.

“La strategia vaccinale deve essere adeguata alle reali condizioni epidemiologiche ed alle esigenze della popolazione pediatrica, con particolare attenzione al bilancio tra benefici e rischi per ciascun singolo bambino. È necessario incentivare la ricerca sui vaccini singoli e trovare urgentemente le forme per consentire a tutti i bambini la frequentazione della scuola materna, che ha importanti valenze educative anche nel campo della salute e quindi della stessa prevenzione delle malattie infettive”, spiega il Senatore Paolo Arrigoni, citando gli studi del professor Paolo Bellavite e dell’avvocato Mirella Manera, e anticipando quanto verrà affrontato durante la serata dai relatori.

“L’esclusione dai servizi educativi per l’infanzia dei minori non vaccinati della fascia d’età 0 - 6 anni appare del tutto discriminatoria; tanto da rompere il patto di fiducia tra cittadini e istituzioni, creando le premesse per la nascita di conflitti sociali”.

“È inoltre doveroso – sottolinea Arrigoni – richiamare la relazione finale della Commissione d’inchiesta parlamentare sull’uranio impoverito e i vaccini militari, che è stata presentata in Parlamento due giorni fa. Secondo la Commissione la vaccinazione concorre alle cause di multifattorialità da cui derivano le patologie neoplastiche e neurodegenerative; e sono state evidenziate criticità sui componenti dei vaccini e sui dati che testimoniano un aumento di morbilità nei militari”. Un tema questo che sarà affrontato in modo approfondito dall’avvocato Vanni Oddino domenica pomeriggio.

“Di fronte di tutto questo, fare domande ed informarsi sulla sicurezza dei vaccini non rende NO-VAX, ma semplicemente è un atto di responsabilità e di rispetto”, conclude il senatore leghista invitando a partecipare all’incontro di Lecco.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Ottobre 1979  Madre Teresa di Calcutta riceve il Premio Nobel per la pace

Social

newTwitter newYouTube newFB