Erba, 09 ottobre 2018   |  

Una business unit dalla Russia per aprire nuovi canali economici

La Lombardia importa dalla Russia soprattutto prodotti dell’estrazione e combustibili

LUOMO LE SUE MANI IL BENE PIU PREZIOSO MACRINA S

a 45^ edizione della Mostra dell'Artigianato diventa sempre più internazionale e propone agli imprenditori artigiani incontri OnetoOne per conoscere e capire le strategie di business da programmare, per approdare sui mercati russi. Due giornate di studio e di analisi delle imprese per affrontare nuove sfide internazionali.

Dalle modalità di gestione del business e delle forniture, alla realizzazione dei progetti, delle idee e delle aspettative degli imprenditori, questi i focus intorno ai quali ruoteranno gli appuntamenti dedicati agli imprenditori che si confronteranno con i rappresentanti della Camera di Commercio russa in Italia. Due giornate ideate per strutturare i rapporti commerciali proponendo e analizzando i plus vincenti per riuscire a entrare in un sistema economico complesso e di dimensioni molto più ampie rispetto al sistema economico delle PMI che caratterizza il territorio lombardo.

“La Mostra dell'Artigianato - sottolinea Marco Galimberti Presidente di Confartigianato Imprese Como - è anche e soprattutto un importante veicolo di promozione economica per tutte le imprese, anche quelle vocate all'esportazione del prodotto. L'iniziativa in programma quest'anno nell'ambito della manifestazione, del focus economico mirato al mercato russo, è una grande opportunità di carattere commerciale a cui le imprese interessate ad allacciare relazioni con l'Est Europa non possono rinunciare, a conferma del fatto che una rassegna fieristica deve poter creare occasioni concrete di crescita per l'economia del territorio”.

Ma veniamo ai numeri perché il business Italia/Russia parla di un mercato sempre più in espansione tanto che la crescita, tra il 2017 e il 2018 è stata del +9,8%. Secondo i dati rilevati dalla Camera di Commercio di Milano l'interscambio lombardo nei primi sei mesi del 2018 ha un valore di quasi 2miliardi. Milano guida il commercio regionale con 790 milioni circa seguita da Pavia con 516 milioni e Brescia con 169 milioni. Superano i 100 milioni anche Varese e Bergamo.

Interscambio lombardo con la Russia nei primi sei mesi del 2018

TERRITORIO

2017

2018

variaz. 2017-2018

% su tot. 2018

Tot. interscambio

Tot. interscambio

variaz. %

% su tot.

 

import

export

import

export

import

export

import

export

2017

2018

2017-2018

2018

Varese

2.941.811

83.152.394

3.950.339

106.087.216

34,3%

27,6%

0,4%

9,9%

86.094.205

110.037.555

27,8%

5,5%

Como

3.010.923

51.999.518

4.045.845

49.848.591

34,4%

-4,1%

0,4%

4,7%

55.010.441

53.894.436

-2,0%

2,7%

Sondrio

784.733

2.404.315

916.826

1.871.775

16,8%

-22,1%

0,1%

0,2%

3.189.048

2.788.601

-12,6%

0,1%

Milano

187.769.231

503.110.463

302.501.891

487.338.563

61,1%

-3,1%

32,5%

45,7%

690.879.694

789.840.454

14,3%

39,5%

Bergamo

17.985.362

81.444.677

18.926.048

83.023.323

5,2%

1,9%

2,0%

7,8%

99.430.039

101.949.371

2,5%

5,1%

Brescia

23.623.847

126.000.265

33.323.315

135.347.387

41,1%

7,4%

3,6%

12,7%

149.624.112

168.670.702

12,7%

8,4%

Pavia

416.631.325

23.586.341

495.578.078

20.563.917

18,9%

-12,8%

53,2%

1,9%

440.217.666

516.141.995

17,2%

25,8%

Cremona

32.942.056

27.999.344

6.273.193

24.575.844

-81,0%

-12,2%

0,7%

2,3%

60.941.400

30.849.037

-49,4%

1,5%

Mantova

46.008.556

47.521.126

40.048.064

44.551.559

-13,0%

-6,2%

4,3%

4,2%

93.529.682

84.599.623

-9,5%

4,2%

Lecco

7.668.222

23.100.487

7.617.972

31.987.439

-0,7%

38,5%

0,8%

3,0%

30.768.709

39.605.411

28,7%

2,0%

Lodi

2.038.581

10.725.115

1.727.947

9.979.101

-15,2%

-7,0%

0,2%

0,9%

12.763.696

11.707.048

-8,3%

0,6%

Monza e Brianza

14.589.852

83.267.179

15.955.363

72.330.533

9,4%

-13,1%

1,7%

6,8%

97.857.031

88.285.896

-9,8%

4,4%

Lombardia

755.994.499

1.064.311.224

930.864.881

1.067.505.248

23,1%

0,3%

100,0%

100,0%

1.820.305.723

1.998.370.129

9,8%

100,0%

Italia

6.522.924.297

3.756.794.249

6.954.248.833

3.582.403.111

6,6%

-4,6%

13,4%

29,8%

10.279.718.546

10.536.651.944

2,5%

19,0%

 

La Lombardia importa dalla Russia soprattutto prodotti dell’estrazione e combustibili (41% del totale regionale) e metalli (26,4%). Nell’export prevalgono invece i macchinari (24,7%), l’abbigliamento (15,1%) e i prodotti chimici (12,9%).

“Quando si parla di made in Italy il pensiero corre al mondo dell’artigianato, da sempre sinonimo di alta qualità dei prodotti e dei servizi offerti, in settori che tutto il mondo ci invidia come la moda, l’enogastronomia e il design. - commenta il Presidente di Confartigianato Lecco Daniele Riva - Partendo dall’indubbia capacità degli artigiani di realizzare capi e prodotti unici, per fare il cosiddetto salto di qualità è però necessario affrontare nuovi mercati sempre più diversi tra loro per esigenze, tradizioni e quadro economico. E se per alcuni settori come quello manifatturiero, il rapporto con alcuni Paesi è ormai una certezza consolidata, per altri la sfida è tutta da costruire e vincere. Pensiamo al mercato del legno-arredo e della casa e di come questo stia trovando una sponda fertile proprio sul nostro Lago. Ma non sempre è facile rapportarsi con imprenditori stranieri e soddisfare le loro aspettative. Per questo è importante innanzitutto conoscere il mercato potenziale e le opportunità reali esistenti, per presentarsi poi come una rete, grazie al supporto delle Associazioni di categoria”.

Lunedì 29 ottobre, alle 16.00, in sala Porro il primo focus Russia, un incontro riservato agli imprenditori artigiani del settore legno, arredo e design per conoscere opportunità e strategie vincenti nell'affrontare le sfide verso l'internazionalizzazione. Martedì 30 ottobre alle 14.00 il secondo appuntamento che prevede incontri one to one con i consulenti del mercato russo. Entrambi i momenti rientrano nel percorso propedeutico orientato all'internazionalizzazione realizzato dalle Camere di Commercio di Como e di Lecco, nell'ambito del progetto “Il futuro dell’Artigianato made in Italy”.

“Entrare nel complesso sistema della competizione internazionale – conclude Giovanni Ciceri, Presidente di Lariofiere – è oggi per la piccola e media impresa italiana una delle possibili strategie di sviluppo. Approcciare nuovi mercati significa tuttavia affrontare una sfida complessa e articolata. La Mostra dell’Artigianato, grazie all’intervento delle Camere di Commercio di Como e di Lecco e coerentemente con il proprio ruolo di supporto alle aziende del settore, ha scelto di offrire un aiuto concreto agli imprenditori che decidono di sperimentare un percorso di internazionalizzazione e di accompagnarli verso un mercato ad elevata potenzialità, soprattutto per il comparto artigiano.”

L'iniziativa, coordinata da Confartigianato Como e Lecco non ha solo lo scopo di definire la Russia quale destinazione commerciale, ma pone la Lombardia al centro di un sistema di internazionalizzazione a cui segue un ambizioso progetto che va a presentare i possibili vantaggi che i piccoli imprenditori potrebbero avere approcciando questo mercato con trattative industriali e joint venture con aziende russe.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

10 Dicembre 1927 a Stoccolma la scrittrice Grazia Deledda riceve il Premio Nobel per la letteratura.

Social

newTwitter newYouTube newFB