Lecco, 20 giugno 2018   |  

40 anni per il futuro

di Gabriella Stucchi

Il titolo del libro prende spunto da quel 22 maggio 1978 in cui, con la Legge n. 194, veniva legalizzato l’aborto in Italia.

40 anni ....

L’autore Carlo Casini (Presidente onorario del Movimento per la Vita Italiano e della Federazione Europea “One of us. Per la vita e la dignità dell’uomo”) nell’Introduzione nota come non si debba guardare al passato, ma al futuro,
”ricavando dall’esperienza i suggerimenti opportuni per continuare il servizio alla vita, renderlo più efficace e, alla fine, vittorioso”.

Un vero programma, che prende spunto dall’Enciclica di san Giovanni Paolo II Evangelium vitae del 25 marzo 1995 in cui sottolinea come i Centri di Aiuto alla Vita (CAV) e i Movimenti per la Vita (MpV) favoriscono una più diffusa presa di coscienza del valore della vita e sollecitano un impegno per la sua difesa.

L’autore continua citando altri interventi di san Giovanni Paolo II per sostenere tale causa, riportando anche la preghiera a Maria con cui si conclude l’Enciclica, denominando Maria “aurora del mondo nuovo”, “la civiltà della verità e dell’amore”, da costruire “insieme con tutti gli uomini di buona volontà”.

Il primo elemento che ha contribuito a portare avanti questo impegnativo programma sono state le numerose amicizie – dice l’autore – di donne e uomini di ogni età che con entusiasmo, generosità, fedeltà hanno tenuto vivi gli ideali, in sé, e negli altri, coinvolgendo Movimenti, gruppi, associazioni. Da qui il sorgere dei CAV e dei MpV, anche grazie all’interessamento di personalità, di sacerdoti, di consacrate (tra cui Madre Teresa di Calcutta). È ricordata anche la rete di “culle per la vita”, aperte in alcune città d’Italia per iniziativa del Centri e Movimenti locali. Interessante il coinvolgimento di giovani, anche attraverso concorsi riservati agli studenti delle scuole medie superiori e delle università, con premiazione a Strasburgo, nella sede del Parlamento Europeo.

Segue un elenco delle varie iniziative promosse a difesa della vita, anche attraverso proposte di legge di iniziativa popolare. Il tema del diritto alla vita è stato proposto anche a livello europeo e mondiale, da cui sono sorte iniziative missionarie, associazioni di solidarietà, adozioni a distanza.

Nel secondo Capitolo l’autore traccia un quadro del nostro tempo, rilevando come la cultura radicale in collegamento con i movimenti femministi proclama apertamente il diritto all’aborto libero. La preoccupazione per il crollo della natalità e il problema demografico che ne deriva fanno comprendere il valore della vita nascente, richiamato ripetutamente dai messaggi dei Pontefici (san Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Francesco). Il rapporto del Ministero della Salute riferisce sulla sempre più utilizzata contraccezione, in particolare quella “di emergenza”. Si può quindi concludere che in quarant’anni sono aumentate le difficoltà dell’impegno per la vita fin dal suo concepimento, ma restano esempi meravigliosi di donne coraggiose, sostenute dai CAV.

L’opinione pubblica può essere scossa anche da filmati (es. ”La meraviglia della vita umana”). L’autore ricorda come i Centri di Aiuto alla Vita nel 1975 abbiano preceduto la costituzione del Movimento per la Vita. È essenziale che i CAV si estendano ulteriormente, approfondendo le caratteristiche iniziali, sempre per salvare la vita dei bambini non ancora nati. A questo possono contribuire anche i mezzi di comunicazione, diffondendo le buone notizie in cui si sottolinei non solo l’amore per il bambino, ma anche per la mamma, immedesimandosi nelle sue paure e nelle sue difficoltà e insieme nelle sue capacità di dono. Infine, la preghiera condivisa da una comunità è un modo forte per ricordare la dignità del concepito.

L’autore suggerisce che anche con l’aiuto economico si può sostenere l’attività dei CAV in particolare con il “Progetto Gemma”, con lo slogan “Adotta una mamma, salva il suo bambino”: esso prevede l’erogazione di 160 euro per 18 mesi. Alcuni giovani sposi hanno richiesto come regalo per il proprio matrimonio l’adesione a “Progetto Gemma”, come pure in occasione di Battesimi.

Riguardo ai consultori familiari, l’autore nota che purtroppo sono concepiti come strumenti di accompagnamento della donna verso l’aborto, mentre la logica sarebbe dovuta essere opposta: consiglio e aiuto affinché la gravidanza prosegua.
Altra nota rilevante riguarda il divieto “assoluto” di procreazione artificiale eterologa che offende il diritto alla vita.

Per sottolineare come il coraggio femminile raggiunga l’eroismo, l’autore espone un elenco delle mamme che, per non sopprimere o danneggiare il loro figlio, hanno accettato di donare la loro stessa vita. La prima citata è Gianna Beretta Molla, beatificata da san Giovanni Paolo II il 24 aprile 1994 e dichiarata santa il 16 maggio 2004. Con il loro coraggio queste mamme hanno veramente messo in atto la “civiltà della verità e dell’amore” auspicata da Giovanni Paolo II.

La II parte del libro è tutta dedicata a testimonianze: racconti e ringraziamenti di madri che, dopo solitudine, confusione, paura, riescono di nuovo a sorridere e a essere felici, perché si sono sentite ascoltate, capite e accompagnate verso la scelta migliore, quella della vita, per cui ora sono mamme gioiose.

Seguono le testimonianze di volontari e volontarie che con pazienza, ma soprattutto amore fraterno, seguono le dolorose vicende di donne incontrate anche per caso, ma di cui si sentono “sorelle”, mettendosi al loro fianco per sostenerle nella drammatica, ma infine, bellissima scelta di accogliere con convinzione la vita che portano in grembo, senza abbandonare anche nei periodi successivi, in cui la gratitudine e il sorriso delle madri diventa un dono incommensurabile.

Un libro che fa riflettere sul valore della vita, sulla responsabilità che ciascuno di noi ha per educare ed accompagnare chi vive momenti drammatici. Il compito di diffondere la conoscenza dei CAV e del loro proficuo, silenzioso operato in difesa della “civiltà dell’amore”.

Carlo Casini con Marina Casini “40 anni per il futuro” – Cantagalli – euro 19.00

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Settembre 1956 è inaugurato il primo cavo sottomarino transatlantico, tra Scozia e Terranova.

Social

newTwitter newYouTube newFB