Lecco, 20 aprile 2017   |  

3Life: Riva e Gerosa coronano il loro sogno a Boston

Hanno completare il circuito delle Major, ovvero delle sei maratone più prestigiose al mondo

Riva e Gerosa a Boston

Si è chiusa con una grande gioia l'avventura a Boston di Marco Riva e Michele Gerosa, i due lecchesi di Bosisio Parini portacolori della 3Life che proprio nell'edizione 2017 della maratona più antica del mondo hanno centrato l'obiettivo di completare il circuito delle Major, ovvero delle sei maratone più prestigiose al mondo, che comprende, oltre a quella di Boston, quelle di New York, Tokyo, Londra, Berlino e Chicago. Un percorso che i due amici hanno iniziato nel 2011 per quanto riguarda Michele e nel 2014 Marco, decidendo di chiuderlo insieme nel giorno di Pasquetta.

«Volevamo correre sotto le tre ore - spiega Marco - ma non ci siamo riusciti perché al 15° chilometro abbiamo deciso di rallentare per evitare di patire troppo le salite che si sono susseguite sino alla fine. È andata bene così, abbiamo tagliato il traguardo in 3 ore e 9 minuti riuscendo a raggiungere l'obiettivo di chiudere insieme il prestigioso circuito delle Major». Tanti i momenti emozionanti vissuti dai due amici, dalla messa della domenica con tanto di benedizione ai maratoneti, sino alla cerimonia di chiusura di martedì con i due lecchesi abbracciati dall'entusiasmo di tutti i colleghi pronti a congratularsi con loro per l'impresa portata a termine.

«Di tutte le sei maratone questa di Boston è stata certamente la più dura ma anche la più affascinante. - Prosegue Marco - Non avevamo mai visto così tante persone pronte ad incitarti lungo il percorso ed in generale una partecipazione da parte della gente in ogni momento della manifestazione. Ci tengo a ringraziare mia moglie che mi ha sempre supportato, l'allenatrice Maria Righetti e tutti i compagni di squadra della 3Life» conclude l'atleta. Alle sue parole fanno eco quelle di Michele Gerosa, che a sua volta ringrazia «tutte le persone che mi sono state vicine in questi anni di fatiche».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Giugno 1980 il Dc9 I-Tigi Itavia Ih870, in volo da Bologna a Palermo, partito con due ore di ritardo, esplode nei cieli a Nord di Ustica, 81 le vittime, di cui 13 bambini

Social

newTwitter newYouTube newFB