01 settembre 2018   |  

3 Life: Dell'Oro nono all'Icon Livigno Extreme Triathlon

"Trovarsi a gestire 16 ore di pioggia e freddo cambia tutto".

Delloro 2

Ultimo giorno di agosto a dir poco impegnativo per Renato Dell'Oro, al via dell'Icon Livigno Extreme Triathlon. Una gara andata in scena con delle condizioni climatiche proibitive che non hanno comunque fatto arrendere il portacolori della 3Life.

Partenza dalla spiaggia a sud-ovest del Lago Gallo di Livigno, con i concorrenti pronti ad affrontare 3800 metri a nuoto nel medesimo. A seguire 95 chilometri in bici con un dislivello di circa 5000 metri, transitando anche in Svizzera oltre che ai passi della Forcola (2315m), del Bernina (2323m), del Fuorn (2149m), dello Stelvio (secondo passo più alto d’Europa, 2757m), Foscagno (2291m) per poi arrivare a Trepalle di Livigno dove era situata la T2, a quota 2100. Da qui la maratona podistica di 42,2 chilometri con arrivo a Carosello 3000 (3000m slm).

L'evento ha visto ai nastri di partenza un ristretto gruppo di 50 temerari e di questi poco più della metà, 29 per l'esattenza, sono giunti regolarmente al traguardo. Bravissimo Dell'Oro, nono completando la prova in 16 ore, 43 minuti e 20 secondi. Il successo è andato a Matteo Fontana in 13:00.30. Per Renato prima frazione portata a termine in 1:14.54, seconda in 9:56.27 e terza in 5:11.14.

Stremato, ma soddisfatto, al traguardo, Renato ha così commentato un'esperienza fantastica: «C'è l'abbiamo fatta, con l'aiuto indispensabile di Roby sono un Icon! Avevo in mente una gara, un tempo finale e un piazzamento diversi. Sulla carta è facile, poi trovarsi a gestire 16 ore di pioggia e freddo cambia tutto. Credo sia la prima volta che non mi sono divertito, ma ho dato tutto perché volevo comunque finire».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Settembre 1924 è inaugurato a Lainate il primo tratto dell'Autostrada dei laghi, da Milano a Varese, la prima autostrada realizzata al mondo.

Social

newTwitter newYouTube newFB